Me

Nelle Bermuda è stata abrogata la legge che apriva ai matrimoni gay

Alle coppie omosessuali saranno comunque riconosciuti i diritti civili e coloro che hanno già contratto un matrimonio vedranno confermato il loro status giuridico

Immagine di copertina

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso nelle Bermuda è stato abrogato a soli sei mesi dalla sua approvazione.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

I funzionari del territorio sotto il controllo del Regno Unito hanno votato a dicembre 2017 per ribaltare la legge che era stata approvata nel maggio 2017.

Questa decisione ha suscitato una grossa polemica politica all’interno dell’isola.

Alle coppie omosessuali saranno comunque riconosciuti i diritti civili e coloro che hanno già contratto un matrimonio vedranno confermato il loro status giuridico.

Il Senato dell’isola ha approvato la legge sul partenariato nazionale, che sostituisce il diritto al matrimonio con la possibilità di formare coppie di fatto tra persone dello stesso sesso.

La mozione è stata approvata con otto voti a favore e tre contrari.

Il governatore delle Bermuda ha firmato il 7 febbraio il disegno di legge che conferma la decisione del Senato, dando piena effettività alla riforma.

Walton Brown, ministro degli affari interni, ha dichiarato che la legge firmata dal governatore John Rankin bilancia l’opposizione al matrimonio tra persone dello stesso sesso sull’isola, nel rispetto delle sentenze della corte europea che garantiscono il riconoscimento e la protezione delle coppie dello stesso sesso nel territorio.

Un referendum, infatti, aveva sancito la netta opposizione dei cittadini di Bermuda ai matrimoni gay.

“L’atto intende raggiungere un giusto equilibrio tra due gruppi attualmente inconciliabili nelle Bermuda, ribadendo che il matrimonio deve essere tra un maschio e una femmina, riconoscendo allo stesso tempo e proteggendo i diritti delle coppie dello stesso sesso”, ha detto Brown, il cui partito del PLP al governo ha proposto l’abrogazione.

Secondo quanto riferito dal quotidiano The Royal Gazette, il leader del Senato governativo Kathy Simmons ha detto che l’abrogazione riflette “il sentimento di maggioranza”,.

“Abbiamo un progetto di legge che conferisce diritti alla minoranza e protegge anche gli interessi della maggioranza”, ha affermato Simmons.

I politici dell’opposizione hanno affermato che vietare il matrimonio gay danneggerà la reputazione e l’industria del turismo di Bermuda.

L’isola ha una popolazione di appena 65mila abitanti, ma riceve circa 600mila visitatori ogni anno.

“Su scala globale, Bermuda ha e continua a fare affidamento sul nostro potere di attrarre nazioni e persone verso le nostre coste e la nostra cultura”, afferma Jeffrey Baron, ministro ombra per la sicurezza nazionale.

Il deputato Michael Dunkley ha aggiunto di essere “deluso” dal governo.

“Nel corso della storia, se non avessimo rappresentato le minoranze, il mondo non sarebbe progredito”, ha detto.

Il gruppo LGBT The Rainbow Alliance of Bermuda ha dichiarato: “Siamo stanchi di dover dimostrare la nostra umanità, siamo stanchi di accettare mezze misure sull’uguaglianza”.