Me

Almeno 5 persone sono morte per un terremoto di magnitudo 6.4 a Taiwan

Il sisma è stato avvertito anche nella capitale Taipei, ma non è stato lanciato l'allarme tsunami

Immagine di copertina
L'hotel crollato nella città di Hualien, a Taiwan, in seguito al terremoto del 6 febbraio 2018. Credit: Paul Yang

Il 6 febbraio, poco prima della mezzanotte ora locale, è stata avvertita sull’isola di Taiwan una scossa di magnitudo 6.4 con un epicentro registrato a 9 chilometri di profondità e a 20 dalla costa. Almeno 5 persone sono morte e altre 60 risultano al momento disperse, mentre 243 sono i feriti.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il terremoto ha causato il crollo di un albergo nella località di Hua-Lien. Molti dei 60 dispersi si trovano sotto le macerie dell’hotel.

Il sisma è stato avvertito anche nella capitale Taipei ma non è stato lanciato l’allarme tsunami.

Sui social network stanno circolando le prime immagini dei danni causati dalla scossa, dove si vede l’hotel Tongshuai pericolosamente inclinato, con il primo piano schiacciato dal resto della struttura.

Anche altri edifici e infrastrutture della città marittima risultano gravemente danneggiate.

Secondo quanto riferito dall’USGS, l’istituto americano che monitora i movimenti tellurici nel mondo, l’epicentro del terremoto è localizzato nell’Oceano Pacifico, a 21 chilometri a nord est della città portuale di Hua-Lien.

Negli ultimi giorni erano state registrate più di 20 scosse al giorno nella zona.

Uno scienziato, dell’Università Centrale di Taiwan, Lee Chyi-tyi, aveva avvertito che l’isola è entrata in un ciclo sismico che potrebbe durare decenni.

Sempre al largo di Hua-Lien, il 4 febbraio, c’erano state due scosse di magnitudo 6.1 e 5.5, con epicentro a 12 chilometri di profondità.