Me
Pulcini tritati vivi: lo scioccante video che documenta le crudeltà dell’industria della carne
Condividi su:
Credit: Afp

Pulcini tritati vivi: lo scioccante video che documenta le crudeltà dell’industria della carne

Un'attivista ha documentato tramite una telecamera nascosta il primo giorno di questi piccoli animali documentandone le sofferenze

01 Feb. 2018
Credit: Afp

Un’attivista infiltrata dell’associazione no profit Essere Animali, ha filmato con una telecamera nascosta il primo giorno di vita dei pulcini.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La schiusa delle uova avviene dentro a forni a temperatura controllata; i piccoli animali successivamente vengono gettati in una catena di montaggio, spostati in un reparto in cui sono separati in base al sesso e poi vaccinati.

I rulli sono stracolmi e i pulcini al loro interno rischiano il soffocamento o nelle migliori delle ipotesi cadono per terra rischiando di morire schiacciati.

Il rumore è continuo e incessante e i ritmi frenetici di lavoro non consente alle operai di prestare cura agli animali che a migliaia muoiono poiché restano impigliati ai macchinari.

I piccoli animali vengono tritati vivi in un maceratore e spesso prima della loro morte attendono feriti anche lunghe ore.

“Questi piccoli hanno poche ore di vita e sono trattati come oggetti. In ogni angolo si guardi, vi sono pulcini che agonizzano”, racconta l’attivista, ricordando che il consumo pro capite di questa carne, in Italia è di 15,33 chilogrammi per anno.

Infine esorta le persone a firmare la petizione per chiedere al Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che i soldi pubblici non siano più utilizzati per sostenere l’industria della carne.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus