Me

La mappa che mostra le vittime causate dalla prima guerra mondiale nei paesi europei

Un'infografica mostra il numero dei morti che furono registrati durante la prima guerra mondiale nei principali paesi europei

Immagine di copertina
La mappa che mostra il numero delle vittime della prima guerra mondiale nei principali paesi europei. Credit: History in a Nutshell

La prima guerra mondiale, una estenuante e sanguinosa guerra perlopiù di trincea, fu uno dei più brutali scontri dell’umanità, durante il quale il mondo subì numerosissime perdite.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

E non solo a causa dei bombardamenti, ma anche per le pessime condizioni di vita nelle trincee, in cui i soldati rimasero per quattro lunghi anni.

Il numero totale delle vittime della prima guerra mondiale, tra soldati e civili, corrisponde a 41 milioni; di essi 18 milioni furono i morti, mentre i feriti 23 milioni.

Tali numeri la fanno qualificare come lo scontro con più vittime nella storia dell’umanità.

Questa mappa mostra il numero dei morti causati dalla prima guerra mondiale nei paesi europei, fatta eccezione per i paesi minori.

Il più alto numero di vittime è stato registrato nell’Impero Russo, con un totale di 2 milioni e 840 mila morti, pari all’1,69 per cento della popolazione.

A seguire nella classifica si trova l’Impero Ottomano, con 2 milioni e 825mila vittime, il 15,26 per cento della popolazione.

L’impero germanico subì  2,198,420 perdite, pari al 3,39 per cento della popolazione.

L’Impero austro-ungarico invece un milione e 787 mila morti, che corrispondeva al 3,48 per cento della popolazione.

L’Italia riportò 1,052,400 milioni di vittime, qualificandosi quarta in questa avvilente classifica, perdendo il 2,96 per cento della sua popolazione.

Infine, distaccandosi leggermente dai grandi numeri dei primi quattro paesi, la Gran Bretagna subì  867,829 perdite, pari al 1,91 per cento della popolazione.

La mappa che mostra il numero delle vittime della prima guerra mondiale nei principali paesi europei.
Credit: History in a Nutshell

Campagna regione lazio