Perché il Movimento 5 Stelle si chiama così?
Condividi su:

Perché il Movimento 5 Stelle si chiama così?

Da dove nascono e cosa vogliono dire il nome e il simbolo della forza politica fondata da Grillo e Casaleggio

12 Gen. 2018  
FILIPPO MONTEFORTE / AFP PHOTO

Il Movimento 5 Stelle, fondato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio nell’ottobre del 2009, rappresenta ormai una realtà consolidata della scena politica italiana, tanto da essere in testa ai sondaggi sulle prossime elezioni politiche in Italia in programma il 4 marzo 2018.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Nel corso delle passate consultazioni elettorali del 2013 raggiunse un risultato che sorprese, oltre agli osservatori e ai sondaggisti, anche gli stessi attivisti del movimento.

Il M5S, infatti, ottenne il 25,5 per cento dei consensi alla Camera dei deputati, risultando la lista più votata.

Dal 15 al 26 gennaio partecipa al TPI Journalism Workshop con i migliori giornalisti italiani. Scopri come

Al Senato prese il 23,8 per cento, piazzandosi dietro solo al Partito Democratico, allora guidato da Pierluigi Bersani.La scelta di utilizzare la parola “movimento” è da ricercare nella volontà di allontanarsi dalla classica definizione di “partito”, preferendo locuzioni come “libera associazione di cittadini” o “non associazione”.

Ma da dove trae origine il termine “5 stelle”, che compare nel logo della forza politica maggiormente in ascesa degli ultimi anni?

Le stelle si riferiscono alle cinque tematiche fondamentali nel progetto politico del Movimento.

Si tratta della tutela dell’acqua pubblica, della mobilità sostenibile, dello sviluppo, della connettività e dell’ambiente.

Il concetto di stelle, però, porta alla mente soprattutto la graduatoria per stabilire la classificazione della qualità, e del costo, degli alberghi.

Ed è proprio il riferimento agli hotel di lusso ad aver ispirato il nome del “non partito” guidato oggi da Luigi Di Maio.

Il padre spirituale del Movimento, Beppe Grillo, nei primi comizi fondativi sosteneva infatti che se non fossero esistiti i partiti, composti da politici “ladri e corrotti” e sostenuti da un’informazione asservita al potere, “potremmo tutti condurre una vita a cinque stelle”, come se fossimo ospiti di un resort.