Me

Le 10 fake news più diffuse nel 2017

Durante il 2017 è stato discusso il problema della disinformazione online legata al fenomeno delle fake news: ecco le dieci principali bufale a cui il mondo ha creduto nell'ultimo anno

Immagine di copertina

Nel corso del 2017, e in particolar modo negli ultimi mesi dell’anno, si è sentito molto parlare delle cosiddette “fake news”: articoli basati su fonti e notizie completamente inventati.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La loro diffusione avviene soprattutto attraverso i social media, e hanno il solo scopo di disinformare e diffondere notizie false.

Il neologismo “fake news” è stato citato così spesso ultimamente che Wikipedia l’ha inserito tra le nuove voci, ed è stata eletta dal Collins Dictionary Word come “Parola dell’Anno”.

Dal 15 al 26 gennaio partecipa al TPI Journalism Workshop con i migliori giornalisti italiani. Scopri come

Un’infografica creata dal sito di fact-checking Snopes mostra le fake news più lette nel 2017, inserendole in rettangoli di diverse dimensioni: il più piccolo corrisponde alla notizia che ha ricevuto meno clic. Al contrario, nel più grande è scritta la bufala più cliccata.

La leggenda è costituita inoltre da un sistema di colorazione in base al tema: verde per coloro che odiano l’America, marrone per le notizie a proposito dei Clinton, rosso per gli “sciocchi repubblicani”, blu per i “maledetti democratici”, rosa per gli immigrati, giallo per i liberali, arancione per le notizie su Barack Obama, viola per le notizie varie e cospirative, e infine bianco per le “fake news” a proposito di Donald Trump.

Ecco le 10 “fake news” più diffuse durante il 2017:

  1. “Il governatore della California Jerry Brown coinvolto in un’investigazione per corruzione”, con 1,370,000 milioni di clic.
  2. “Clinton/Lynch, il pilota rompe il silenzio su ciò che è stato detto”, con 636 mila clic.
  3. “Immigrati illegali causano incendi boschivi in California”, con 591 mila clic.
  4. “Teppisti del movimento Black Lives Matter impediscono il raggiungimento delle vittime dell’uragano da parte delle squadre di emergenza”, con 562 mila clic.
  5. “Obama e Michelle divorziano”, con 398 mila clic.
  6. “Preside democratico defeca di fronte agli studenti durante il giuramento di fedeltà”, con 373 mila clic.
  7. “I palestinesi riconoscono il Texas come una parte del Messico”, con 288 mila clic.
  8. “La NFL (National Football League) multa i giocatori dei Pittsburgh Steelers un milione di dollari ciascuno per aver saltato l’inno nazionale”, con 227 mila clic.
  9. “L’assistente di Hillary Clinton J.W. McGill è stato trovato morto”, con 184 mila di clic.
  10. “L’Islanda paga le donne 5 mila dollari al mese per sposare gli immigrati”, con 167 mila clic.

Fonte: snopes.com