Me
Attacco suicida in una chiesa in Pakistan, almeno 8 morti
Condividi su:
Il personale di sicurezza pakistano sul luogo dell'attacco a Quetta, in Pakistan. Credit: BANARAS KHAN

Attacco suicida in una chiesa in Pakistan, almeno 8 morti

Due uomini armati hanno aperto il fuoco a Quetta, capoluogo della provincia del Baluchistan, prendendo di mira i fedeli

17 Dic. 2017
Il personale di sicurezza pakistano sul luogo dell'attacco a Quetta, in Pakistan. Credit: BANARAS KHAN

Alcuni uomini armati hanno aperto il fuoco all’interno di una chiesa evangelica metodista nella città di Quetta, nel sudovest del Pakistan domenica 17 dicembre, uccidendo almeno otto persone e ferendone 16 prima di essere fermati dalla polizia. La polizia ha ucciso uno degli attentatori, mentre l’altro si è fatto esplodere dopo che gli agenti lo avevano ferito.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’Isis ha rivendicato l’attacco tramite la sua agenzia Amaq.

I due uomini indossavano giubbotti imbottiti d’esplosivo. Hanno fatto irruzione nella chiesa quando la messa era appena iniziata e hanno sparato contro i fedeli cristiani che si trovavano all’interno, secondo quanto ha riferito Sarfraz Bugti, ministro degli Affari Interni della provincia del Baluchistan.

La polizia è intervenuta e c’è stata una sparatoria prima che i due attentatori riuscissero a entrare nella parte centrale della struttura, dove circa 400 persone erano radunate per la messa, secondo quanto ha riferito il capo della polizia della provincia Moazzam Jah.

Il funzionario ha detto che la chiesa era sorvegliata perché i luoghi di culto dei cristiani sono spesso presi di mira da gruppi di estremisti islamici.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus