Me
Quali sono i tuoi nuovi diritti, adesso che il biotestamento è legge
Condividi su:
Credit: ASTIER / BSIP

Quali sono i tuoi nuovi diritti, adesso che il biotestamento è legge

La legge sul testamento biologico rappresenta una tappa storica in Italia nella tutela dei diritti umani. Ma cosa prevede?

14 Dic. 2017
Credit: ASTIER / BSIP

Il 14 dicembre 2017 è una data storica per l’Italia. Dopo mesi di battaglie, il biotestamento è una legge dello stato italiano.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Ma cosa prevede la legge e perché si tratta di un passo storico nel riconoscimento del diritto alla vita, alla salute, alla dignità e all’autodeterminazione della persona?

Consenso informato

Innanzitutto la legge prevede l’introduzione del consenso informato, che stabilisce che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata, tranne che nei casi espressamente previsti dalla legge.

Ogni persona ha il diritto di conoscere le proprie condizioni di salute e di essere informata in modo completo, aggiornato e soprattutto comprensibile.

Relazione medico-paziente

La legge sottolinea la relazione di cura e di fiducia tra paziente e medico che si basa sul consenso informato, nel quale si incontrano l’autonomia decisionale del paziente e la competenza, l’autonomia professionale e la responsabilità del medico.

Leggi anche: “Rischierò la galera purché si torni a parlare del diritto all’eutanasia” Intervista a Marco Cappato

Rifiuto delle cure

Il medico è tenuto a rispettare un’eventuale volontà del paziente di rifiutare il trattamento sanitario ed è esente da responsabilità civile o penale per questo. Il paziente non può chiedere trattamenti sanitari contrari a norme di legge, alla deontologia professionale o alle buone pratiche clinico-assistenziali.

Nei casi in cui un paziente sia in fase terminale, il medico deve astenersi da ogni ostinazione a somministrare le cure e dal ricorso a trattamenti sanitari inutili o sproporzionati (accanimento terapeutico).

Sono considerati trattamenti sanitari la nutrizione artificiale e l’idratazione artificiale.

Il medico può inoltre ricorrere alla sedazione palliativa profonda e alla terapia del dolore, con il consenso del paziente.

Leggi anche: La mappa dei paesi europei dove l’eutanasia è legale

Minori

Per quanto riguarda i minori, il paziente deve ricevere informazioni sulle scelte relative alla propria salute in modo consono alle sue capacità, per essere messo nelle condizioni di esprimere la sua volontà.

Il consenso informato per il minore è espresso o rifiutato dai genitori o dal tutore, tenendo conto della volontà del minore in relazione alla sua età e al suo grado di maturità.

Le disposizioni anticipate di trattamento

Un punto fondamentale della legge è l’articolo quattro, che stabilisce che ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un’eventuale futura incapacità di non poter esprimersi, può lasciare le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, e dare il consenso o il rifiuto alle terapie e ai trattamenti sanitari a cui dovrà essere sottoposto.

Vengono quindi introdotte per legge le DAT, le disposizioni anticipate di trattamento, attraverso le quali una persona potrà lasciare a una persona di fiducia le sue volontà circa le cure a cui essere sottoposto o da rifiutare quando non sarà più cosciente. 

Le disposizioni anticipate devono essere redatte con atto pubblico o scrittura privata, con sottoscrizione autenticata da notaio o altro pubblico ufficiale o da un medico dipendente del Servizio sanitario nazionale o convenzionato. Nel caso in cui le condizioni fisiche del paziente non lo consentano, possono essere espresse attraverso videoregistrazione.

Le Dat sono sempre revocabili e risultano vincolanti per il medico.

Restano vietati in Italia il suicidio assistito e l’eutanasia.

Leggi anche: Che differenze ci sono tra eutanasia, suicidio assistito e testamento biologico

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus