Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Una cantante egiziana è stata condannata a due anni di carcere per un video provocante

Nel video di “I Have Issues” Shyma, ex concorrente di Arab Idol, mangia una banana in maniera provocante davanti a una classe di soli uomini

Immagine di copertina
La cantante egiziana Shyma. Fonte: Facebook

La popstar egiziana Shyma è stata condannata a due anni di prigione per aver “incitato alla dissolutezza” in un video musicale nel quale mangia una banana in maniera troppo ammiccante e sessualmente esplicita secondo gli accusatori.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La notizia è stata diffusa dal quotidiano britannico “The Telegraph”.

La cantante era stata arrestata poco dopo la diffusione del video che accompagna il brano I Have Issues (“Ho dei problemi”), nel quale la 21enne danza in biancheria intima e mangia una banana di fronte a una classe di soli uomini adulti.

Il videoclip è stato visualizzato da più di un milione di persone in pochi giorni e ha alzato un polverone tra l’opinione pubblica egiziana, dove la parte più conservatrice ha condannato la popstar per i contenuti troppo espliciti.

La campagna contro la popstar è partita poco dopo, quando il noto presentatore e blogger Marwan Younis ha pubblicato un video su Facebook per invitare i suoi follower a segnalare la pagina di Shyma per i contenuti sessualmente forti.

Nonostante la chiusura dell’account e le scuse, la cantante non è riuscita a evitare l’arresto da parte delle forze dell’ordine.

Martedì 12 dicembre Shyma, ex concorrente del talent Arab Idol originaria di Tanta, nel nord del paese, è comparsa in tribunale indossando un niqab.

Mentre attendeva di ascoltare la sentenza della corte, la cantante è stata vista leggere alcune pagine del Corano.

Shyra è solo l’ultima artista a essere condannata per il suo lavoro in Egitto, dove la mentalità conservatrice è sempre più radicata.

Nel 2015 due danzatrici del ventre chiamate Shakira e Bardis erano state condannate a sei mesi di prigione per l’“incitamento alla dissolutezza” e l’immoralità dei loro video.