Me
Un ragazzo che ha cercato di somigliare a Braccio di Ferro ora rischia l’amputazione degli arti
Condividi su:

Un ragazzo che ha cercato di somigliare a Braccio di Ferro ora rischia l’amputazione degli arti

L'ex soldato russo si inietta regolarmente il Synthol, una sostanza che aumenta il volume dei muscoli ma molto pericolosa per la salute. Può causare ictus, danni muscolari, infezioni, ascessi

11 Dic. 2017

Kirill Tereshin è un ex soldato russo 21enne appassionato di body building, divenuto molto popolare sui social network grazie alle foto in cui mette in mostra i suoi bicipiti.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il ragazzo di Pyatigorsk, in Russia, mostra i suoi enormi muscoli che non sono però il risultato di ore in palestra, ma di una particolare e pericolosa iniezione di sostanze che hanno il potere di aumentare il volume di polpacci, bicipiti, tricipiti e deltoidi.

Il sogno del culturista è quello di somigliare a Braccio di Ferro, il personaggio dei fumetti famoso per la sua straordinaria forza, e di battere ogni record possibile nel body buinding.

Se le foto pubblicate da un lato mostrano un ragazzo dai muscoli portentosi, mettono anche in evidenza il risultato dell’utilizzo di una pericolosa sostanza: il Synthol. La miscela di oli che il ragazzo si è iniettato è particolarmente pericolosa per la salute.

Il prodotto può infatti causare diversi effetti collaterali: danni muscolari, infezioni, ascessi, ictus. Se continuerà a iniettarsi quella sostanza nelle braccia, avvertono i medici, rischia l’amputazione di entrambi gli arti.

Per questa ragione Kirill è stato aspramente criticato sul web ma il giovane sembra non prendere troppo sul serio la situazione: “Sono orgoglioso dei risultati. Voglio andare avanti per assomigliare sempre di più a Braccio di Ferro”.

Il ragazzo vuole infatti portare la circonferenza dei suoi bicipiti a 70 centimetri contro i 58 attuali. Poi si concentrerà su schiena, petto e spalle.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus