Me
Le pose provocanti delle icone pop censurate nei paesi del Medio Oriente
Condividi su:
censura-medio oriente

Le pose provocanti delle icone pop censurate nei paesi del Medio Oriente

Alcuni paesi hanno ritenuto necessario nel tempo alterare alcune immagini delle pop star più celebri per adattarle alla morale nazionale

11 Dic. 2017
censura-medio oriente

Molte icone della musica pop, come Britney Spears e Madonna, sono conosciute in tutto il mondo oltre che per i brani celebri anche per i look provocanti, che esibiscono con orgoglio e che sono parte integrante della loro immagine artistica. Alcuni paesi però hanno ritenuto necessario nel tempo alterare alcune copertine dei loro album per adattarle alla morale nazionale.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Si tratta soprattutto di paesi del Medio Oriente, che hanno modificato vestiti e pose delle cantanti. Dei corpi esibiti spesso rimane poco.

L’Arabia Saudita è uno dei principali paesi che censura questo tipo di immagini, attraverso il Comitato per l’imposizione della virtù e l’interdizione del vizio, cioè l’ente da cui dipende la polizia religiosa saudita. Fra i vari compiti, la commissione si occupa di preservare la  morale pubblica e il rispetto della Sharia, la legge coranica, che impone alle donne anche un tipo di vestiario considerato consono.

Ecco alcune delle copertine più famose che sono state censurate e “ritoccate” in diversi Paesi del medio Oriente, prese da Redditmessage boardsDiscogs:

Christina Aguilera. Credit: Discogs

Jennifer Paige. Credit: Discogs

Kylie Minogue. Credit: zlhill/Imgur

Britney Spears. Credit: Discogs

Shakira. Credit: Discogs

Lady Gaga. Credit: ginnyfan/Kai/UKMIX

Katy Perry. Credit: Amazon, zhlhill/Imgur

Christina Aguilera. Credit: Amazon, zhlhill/Imgur

Madonna. Credit: Amazon, UKMIX

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus