Me
Il video che svela come fingiamo di avere una vita perfetta sui social network
Condividi su:
social network

Il video che svela come fingiamo di avere una vita perfetta sui social network

Quando scorriamo la bacheca di Facebook sembra che la vita delle persone che conosciamo sia assolutamente perfetta, ma spesso ci viene mostrata una versione molto edulcorata della realtà

11 Dic. 2017
social network

Quando scorriamo la bacheca di Facebook o la home page di Instagram sembra che la vita delle persone che conosciamo sia assolutamente perfetta.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Le relazioni sentimentali sono incredibilmente felici, non si litiga, non si soffre e dalle foto e i video pubblicati sembra davvero che non esistano problemi, segreti o bugie.

Così cominciamo a chiederci se è solo la nostra vita ad avere più di una sbavatura, oppure se quella che ci viene mostrata non è la realtà ma solo una versione edulcorata di essa.

Un video pubblicato sulla pagina Facebook “LinfaVitale” spiega in modo efficace quanto possa essere diversa la vita degli altri da come viene raccontata sui social network.

Le vite di tutti i personaggi del video sono collegate tra loro da amicizie virtuali e ognuno dei protagonisti impegna le proprie energie per realizzare delle foto perfette del cibo che mangiano, degli abiti che indossano, del rapporto sentimentale che hanno o del lavoro che stanno svolgendo.

Ma pochi secondi dopo lo scatto si comprende bene che c’è una realtà diversissima dietro quella foto, fatta di segreti, litigi, bugie, tristezza.

È solo la vita che come sempre ci fa capire che non tutto può essere sempre perfetto, ma esistono momenti bui e altri molto sereni e felici.

In fondo, dopo anni di social network, dovremmo aver capito un po’ tutti che condividere foto di sorrisi a trentadue denti non ci rende più felici, né immortalare un bacio appassionato rende il nostro amore più autentico e profondo.

Questo il video:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus