Me

Il bambino di 6 anni che ha guadagnato 11 milioni di euro recensendo giocattoli su YouTube

Se una volta i bambini che diventavano celebrità erano per lo più star del cinema e di serie tv, oggi ci sono nuove figure che hanno raggiunto la fama: i giovanissimi youtuber

Immagine di copertina

Se una volta i bambini che diventavano celebrità erano per lo più star del cinema e di serie tv, oggi ci sono anche altri modi per raggiungere la fama, che lasciano spazio a nuove figure, come ad esempio i giovanissimi youtuber.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Uno dei più celebri di questi bambini star del web è Ryan, di sei anni, che tramite i suoi video recensisce dei giocattoli; Ryan ha già milioni di fans in tutto il mondo.

Sin da quando ha tre anni, questo bambino viene filmato dai genitori mentre apre i giochi e li utilizza, per poi darne un parere. I video poi vengono postati su un canale YouTube, Ryan ToysReview. Il cognome e il paese di residenza del bambino sono tenuti strettamente segreti, per questioni legate alle norma sulla tutela dei minori.

Ryan grazie a questa attività è diventato multimilionario, arrivando ottavo nella lista del magazine Forbes degli youtubers più pagati al mondo. Fra giugno 2016 e giugno 2017 ha guadagnato 11 milioni di dollari.

Moltissimi bambini da ogni parte del mondo lo seguono assiduamente, restano incollati allo schermo per diverse ore al giorno e addirittura lo imitano, creando dei propri canali Youtube. Per i giovanissimi fans, Ryan è come un vero e proprio amico.

Jim Silver, amministratore delegato del sito Toys, Tots, Pets, and More, quando Ryan aveva solo cinque anni aveva detto alla rivista the Verge: “Se un prodotto riceve dieci, venti milioni di visualizzazioni, ha un grandissimo impatto a livello di vendita. Lui è davvero il più giovane personaggio di successo che abbiamo mai visto. La maggior parte dei bambini che recensisce i suoi video ha dai sei anni in su, per questioni di conoscenza delle parole e maturità per fare una recensione”.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop