Me
Migliaia di persone a Parigi per l’ultimo saluto alla rockstar Johnny Hallyday
Condividi su:
Hallyday
Credit: AFP PHOTO

Migliaia di persone a Parigi per l’ultimo saluto alla rockstar Johnny Hallyday

“L'Elvis francese” è morto il 6 dicembre all'età di 74 anni per un tumore ai polmoni. In quasi 60 anni di carriera ha venduto oltre 100 milioni di dischi

09 Dic. 2017
Hallyday
Credit: AFP PHOTO

Centinaia di migliaia di persone – un milione secondo la prefettura di Parigi – sono scese nelle strade della capitale francese sabato 9 dicembre per dare l’ultimo saluto a Johnny Hallyday, la rockstar francese scomparsa pochi giorni fa all’età di 74 anni dopo aver lottato contro un tumore ai polmoni.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Un corteo di 700 motociclisti alla guida delle loro Harley Davidson ha scortato la bara di Hallyday lungo tutti gli Champs Elysées fino alla chiesa della Madeleine, dove un visibilmente commosso Emmanuel Macron ha salutato per l’ultima volta il cantante.

“Johnny era molto più di un cantante. Era una parte di noi stessi, della Francia. Nella sua voce, nelle sue canzoni e nel suo volto c’era un’umanità che lascia un segno ancora oggi, che ci fa sentire meno soli. È così che Johnny è entrato nelle nostre vite e per molto tempo è stata una presenza indispensabile, come un amico o un fratello”, ha detto il presidente francese.

Al funerale hanno partecipato, oltre alla moglie Laeticia e le figlie Jade e Joy, gli ex presidenti Francois Hollande e Nicolas Sarkozy, l’attrice premio Oscar Marion Cotillard e Carla Bruni.

Per ricordare il cantante, nella notte di venerdì 8 dicembre la Torre Eiffel è stata illuminata dalla scritta “Merci Johnny”.

Eiffel Hallyday

Credit: AFP PHOTO

Johnny Hallyday era considerato “l’Elvis francese” dalla critica musicale d’oltralpe. Nel corso di una carriera durata quasi 60 anni ha venduto oltre 100 milioni di dischi e collezionato 32 primi posti nella classifica francese.

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus