Me
L’album black metal realizzato da un’intelligenza artificiale
Condividi su:
Abbath Doom Occulta degli Immortal
Abbath Doom Occulta degli Immortal

L’album black metal realizzato da un’intelligenza artificiale

Le canzoni di “Coditany of Timeness” sono state assemblate da un software che ha rielaborato in maniera assolutamente originale segmenti di brani già esistenti e realizzati da veri musicisti

09 Dic. 2017
Abbath Doom Occulta degli Immortal
Abbath Doom Occulta degli Immortal

Molti sono convinti del fatto che, al giorno d’oggi, i robot non siano in grado di fare altro che piccoli compiti ripetitivi e banali.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Sforzi creativi come l’arte o la musica restano ancora prerogative della sensibilità umana, ma tra non molto tempo tutto questo potrebbe cambiare.

Grazie agli enormi progressi degli ultimi anni nel campo dell’intelligenza artificiale, il produttore discografico Zack Zukowski e lo startupper Cj Carr sono riusciti a programmare un software in grado di segmentare e rielaborare musica già esistente per creare canzoni nuove di zecca e assolutamente godibili anche per le orecchie umane.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Per l’occasione, i due programmatori, noti anche come Dadabots, hanno insegnato al loro software a suonare un genere di nicchia ma dai molti estimatori in tutto il mondo: il black metal.

Il black metal è uno dei sottogeneri più cupi, pesanti ed estremi dell’heavy metal, reso celebre negli anni Ottanta e Novanta da band scandinave come Mayhem, Burzum, Immortal e Darkthrone.

Il frutto del lavoro dell’intelligenza artificiale è adesso disponibile per l’ascolto su Bandcamp nell’album “Coditany of Timeness”.


Come si legge su The Outline, i brani contenuti in “Coditany of Timeness” sono una rilettura assolutamente originale e inedita di quelli estratti da “Diotima”, album del 2011 dei Krallice, una band black metal di New York, che Zukowski e Carr hanno “spezzettato” e inserito nel computer per permettere all’intelligenza artificiale di esprimere al massimo la sua creatività partendo da una base già esistente.

Il risultato finale è assolutamente convincente: i brani “ricomposti” dal software contengono tutti gli elementi caratteristici del black metal – le chitarre sature, la batteria con il doppio pedale e il cantato in scream – e hanno colpito molti appassionati del genere.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus