Me
Le terrificanti cartoline usate per educare i bambini nel Novecento
Condividi su:
cartolina steresoscopica
Un altro mostro assale la bambina

Le terrificanti cartoline usate per educare i bambini nel Novecento

Agli inizi del '900 i bambini venivano spesso educati con immagini pedagogiche terrificanti. Ecco la serie

28 Nov. 2017
cartolina steresoscopica
Un altro mostro assale la bambina

Il visore stereoscopico fu inventato da Charles Wheatstone nel 1832 e conobbe l’apice del successo agli inizi del ‘900 e fu utilizzato fino agli ’70-’80. Tra le immagini utilizzate dallo stereoscopio non comparivano solo monumenti o paesaggi naturali. Oltre a queste, infatti, esistevano immagini utilizzate a scopi pedagogici, per insegnare ai bambini ad obbedire alle regole con disciplina.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

In passato era più frequente che i metodi educativi ruotassero intorno a precetti rigidi, che poco badavano a non urtare la sensibilità dei bambini. In questa curiosa serie di cartoline, intitolata “The Goblins will get you if you do not watch out”, I Goblin ti prenderanno se non stai attento, si vede una madre mentre mette a letto la sua bambina e le raccomanda di rispettare le regole.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La bambina sembra disobbedire ed ecco che compare un mostro alle sue spalle, pronto a terrorizzarla.

Ecco la serie di cartoline:

cartoline stereoscopiche

La madre accompagna a letto la bambina dall’aria impertinente e le raccomanda di essere obbediente

cartoline stereoscopiche

La bambina, ignara, si addormenta senza accorgersi che c’è un mostro alla finestra

cartoline stereoscopiche

Il mostro si avvicina alla bambina

cartoline stereoscopiche

Il mostro si nasconde sotto al letto

cartoline stereoscopiche

La bambina si sveglia e, terrorizzata, cerca di difendersi dal mostro

cartolina steresoscopica

Un altro mostro la assale

catoline stereoscopiche

Il secondo mostro si avvicina alla bambina e la rapisce

cartoline stereoscopiche

La madre della bambina entra in camera e si accorge della scomparsa della figlia

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus