Me
Perché quest’uomo è l’unico ad essere sepolto sulla Luna
Condividi su:
sepolto-Luna

Perché quest’uomo è l’unico ad essere sepolto sulla Luna

Eugene Shoemaker era un geologo che ha lavorato a lungo per la NASA, addestrando anche gli astronauti della missione Apollo

24 Nov. 2017
sepolto-Luna

Molte persone preferiscono al cimitero un luogo che ritengono speciale per potervi lasciare le proprie spoglie: un fiume, uno spicchio di terra, addirittura il cratere di un vulcano. Ma secondo il magazine Atlas Oscura, i resti di uomo chiamato Eugene Shoemaker attualmente si trovano sulla Luna.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Famoso per la scoperta della cometa Shoemaker-Levy, che deve i nomi a lui e al collega David Levy, Shoemaker era un geologo che si occupava di scienza planetaria. Dopo che le sue scoperte consentirono di seguire l’impatto della cometa su Giove nel 1994, il suo nome divenne celebre anche fra i non esperti. Durante la sua vita studiò molti crateri di meteoriti e addestrò anche gli astronauti della missione Apollo, il programma spaziale statunitense che atterrò per primo sulla Luna.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il suo sogno era quello di diventare lui stesso un astronauta, per toccare con mano quello che studiava, ma una serie di problemi di salute glielo impedì. Quando morì per un incidente stradale, nel luglio del 1997, la NASA, azienda governativa statunitense responsabile del programma spaziale, volle ringraziarlo per il suo lavoro portando i suoi resti proprio sulla Luna. La NASA si servì quindi di un’azienda che si occupa di viaggi spaziali a scopi funerari, Celestis, che trasportò sulla Luna le ceneri di Shoemaker in una capsula di policarbonato.

Schiantatasi sulla Luna il 31 luglio 1999, la navicella esplose, spargendo sulla superficie del satellite le ceneri, un’immagine della Cometa Hale-Bopp, una fotografia del cratere di meteorite in Arizona dove Shoemaker aveva addestrato gli astronauti dell’Apollo e una citazione dall’opera di Shakespeare Romeo e Giulietta.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus