Me
Il giallo del 34enne italiano accoltellato a morte a Barcellona
Condividi su:
Barcellona
Barcellona. Credit: Samuel Boivin

Il giallo del 34enne italiano accoltellato a morte a Barcellona

L'accoltellamento dopo una rissa notturna, poi la morte in ospedale. Non si conosce ancora l'identità della vittima, che risiedeva stabilmente nel capoluogo catalano

24 Nov. 2017
Barcellona
Barcellona. Credit: Samuel Boivin

Un cittadino italiano di 34 anni è stato accoltellato nella notte tra mercoledì e giovedì durante una rissa scoppiata nel quartiere centrale di Raval, a Barcellona, ed è morto dopo essere stato trasportato all’ospedale. L’uomo, la cui identità non è stata ancora resa nota, risiedeva stabilmente nel capoluogo catalano.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Sono ancora molti i dettagli poco chiari sul delitto.

Gli agenti dei Mossos d’Esquadra, la polizia locale, sono stati chiamati in Calle Princep de Viana per una rissa tra due uomini intorno alle 4.30 del mattino. Al loro arrivo hanno trovato l’italiano in condizioni gravi per le ferite d’arma da taglio riportate. L’aggressore, la cui identità è sconosciuta, non è stato trovato sul posto.

Il ferito è stato trasportato all’Hospital del Mar di Barcellona, dove è morto nel pomeriggio. La polizia catalana ha aperto una inchiesta sull’accaduto.

La polizia sta cercando la seconda persona coinvolta nel litigio e sta provando a fare chiarezza sulla dinamica. Oltre all’identità dell’aggressore, rimane sconosciuto il motivo per cui sarebbe scoppiata la rissa.

La Farnesina sta seguendo il caso, secondo quanto riferito da fonti del ministero degli Esteri.

L’episodio arriva dopo l’uccisione del 22enne italiano Niccolò Ciatti, brutalmente pestato in una discoteca di Barcellona ad agosto scorso. Per questo omicidio sono stati indagati tre ceceni.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus