Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

È stato pubblicato il calendario 2018 di Vladimir Putin

Il calendario è disponibile in 6mila copie ed è in vendita su eBay e Amazon. Le 200mila copie del 2016 terminarono in pochi giorni

Immagine di copertina
Calendario putin

Si avvicina la fine dell’anno e come ormai da tradizione è stato pubblicato e già messo in commercio il calendario di Vladimir Putin.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Ci sono circa 6mila copie disponibili del calendario, che è in vendita su eBay e Amazon  e pubblicizzato come un “grande dono”.

Il calendario è disponibile in otto lingue, tra cui inglese, spagnolo e italiano, e costa circa 30 euro.

Un’immagine per ogni mese, con momenti intimi e bizzarri come quello in cui il presidente coccola un gattino, o come quando ridacchia mentre siede in divisa da hockey sul ghiaccio.

Putin ama da sempre condividere le sue passioni, dalla pesca all’equitazione, dall’amore per gli animali alla caccia.

D’altronde è risaputo come in Russia e non solo ci sia un vero e proprio culto del presidente tanto che nel 2016, primo anno della pubblicazione del calendario, le 200mila copie disponibili terminarono in pochi giorni.

Ciascun ritratto riporta una frase, mese per mese: ”Nessuno potrà mai eguagliare la superiorità militare della Russia”, oppure ”mi piacciono tutte le donne russe: credo che siano le più dotate di talento e bellezza”.

Vladimir Putin ha 65 anni e dal 1999 è ininterrottamente ai vertici della Federeazione Russa, svolgendo alternativamente il ruolo di Primo ministro e Presidente, carica che ricopre attualmente.

In passato è stato un militare e funzionario del KGB, l’agenzia di servizi segreti russi, finché la stessa non è stata smantellata nel 1991 a seguito dell’arresto di Vladimir Krjuckov, responsabile principale dell’agenzia, che aveva tentato un colpo di stato contro l’allora presidente Mikhail Gorbaciov.