Me

In Australia due uomini hanno trascorso 5 giorni sul tetto di un’auto per salvarsi dai coccodrilli

Charlie Williams e Beau Bryce-Morris stavano andando a pesca quando l'auto sulla quale erano a bordo si è impantanata nella fanghiglia

Immagine di copertina

Due uomini rimasti bloccati per cinque giorni in una zona remota della penisola di Dampier, nell’Australia occidentale, sono stati costretti a trascorrere ore e ore sul tetto dell’automobile impantanata per salvarsi dall’alta marea e da almeno un coccodrillo affamato.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il 19enne Charlie Williams e il 37enne Beau Bryce-Morris stavano andando a pescare quando il veicolo sul quale viaggiavano si è impantanato nella fanghiglia in un’area che si trova 100 chilometri a nord della città di Broome.

Williams e Bryce-Morris hanno provato a inviare video messaggi e richieste d’aiuto fino all’arrivo dei soccorsi, avvenuto martedì 21 novembre, dopo le richieste dei parenti preoccupati.

Secondo la polizia, i due sarebbero stati minacciati da almeno un coccodrillo nel corso della loro disavventura: “L’altra notte eravamo circondati da coccodrilli che hanno persino provato ad attaccare il mio cane”, ha detto Beau Bryce-Morris in uno dei video da lui realizzati e diffusi dai media locali.

Il sergente Mark Balfour, coordinatore delle operazioni di salvataggio, ha rivelato che al momento del ritrovamento i due uomini “erano affaticati e disidratati. Naturalmente sono stati molto felici di vederci.”

Balfour ha detto alla BBC che i due sono riusciti a sopravvivere razionando cibo e acqua, già esauriti all’arrivo dei soccorsi sul luogo.

I filmati rappresentano una testimonianza forte della terribile esperienza. In uno di questi, Bryce-Morris dice: “Nessuno riesce a trovarci. Ogni tanto sento gli aerei passare; non potete immaginare quanto sia scoraggiante sentirli andare via. Speriamo che qualcuno venga a salvarci”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus