Me

Perché le persone incompetenti pensano di essere le più brave

Addison Anderson ha spiegato in una Ted talk l'effetto Dunning-Kruger, che porta le persone a sopravvalutare le proprie capacità e a non comprendere quando stanno sbagliando

Immagine di copertina
Credit: Afp

Chi, a scuola o al lavoro o in qualsiasi situazione, non si è mai imbattuto in qualcuno che si reputasse molto più bravo di quanto non lo fosse in realtà?

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Un nuovo video TED-Ed, basato su una lezione dello psicologo David Dunning, spiega il perché questo accade e perché le persone sono così superficiali nel giudicare le proprie abilità, esaminando il fenomeno noto come effetto Dunning-Kruger.

“Sapere quanto siamo bravi e come le nostre abilità vengono viste dagli altri è più importante dell’autostima”, ha spiegato Addison Anderson. “Ci aiuta a capire quando possiamo andare avanti sulle nostre decisioni e istinti e quando abbiamo bisogno, invece, di chiedere consigli”.

“Ma la ricerca psicologica suggerisce che non siamo molto bravi a valutare noi stessi in modo accurato. In realtà, spesso sopravvalutiamo le nostre capacità”, ha aggiunto Anderson.

“Quando agli ingegneri di due aziende veniva chiesto di valutare le loro prestazioni, il 32 per cento degli ingegneri di un’azienda e il 42 per cento degli altri si mettevano nel 5 per cento più alto”.

C’è in realtà una spiegazione ragionevole: “Quando gli psicologi Dunning e Kruger descrissero per la prima volta l’effetto nel 1999, sostenevano che le persone prive di conoscenza e abilità in aree particolari subivano una doppia maledizione. In primo luogo, commettevano errori e prendevano decisioni sbagliate. Ma in secondo luogo, quelle stesse lacune di conoscenza impedivano loro di comprendere i loro errori”.

Ad esempio, come si può essere consapevoli di essere dei cattivi scrittori se non si conoscono le regole basilari dell’ortografia e della grammatica?

È necessario avere un certo livello di esperienza o competenza affinché una persona arrivi a realizzare di essere incompetente in qualcosa.

“Questo potrebbe essere il motivo per cui le persone con una moderata quantità di esperienza o competenza spesso hanno meno fiducia nelle proprie capacità”, ha detto Addison. “Sanno abbastanza da capire che c’è ancora tanto che non conoscono”.

Ma la conoscenza può anche portare a sopravvalutare anche gli altri: “Gli esperti tendono a essere consapevoli di quanto siano competenti. Ma fanno spesso un errore diverso: presumono che anche tutti gli altri siano altrettanto competenti”.

“Il risultato è che le persone, siano esse inette o altamente qualificate, sono spesso intrappolate in una bolla di auto-percezione imprecisa e non veritiera”, ha spiegato Addison. “Quando non sono qualificati, non riescono a vedere i propri difetti, così come quando sono molto competenti, non percepiscono la loro incompetenza”.

C’è un modo per prevenire tutto questo: “In primo luogo, chiedi feedback e pareri ad altre persone – e prendili in considerazione, anche se è difficile. In secondo luogo, ed è il consiglio più importante, continua ad imparare. Più diventiamo esperti, meno probabilità abbiamo di avere buchi nelle nostre competenze”.