Me

Un uomo è morto dopo essersi gettato nelle fiamme al festival del Burning Man

Durante l'evento che si svolge ogni anno nel deserto del Nevada, un 41enne statunitense è riuscito a superare la sicurezza ed è corso nel fuoco

Immagine di copertina
Credit: Jim Urquhart

Durante la cerimonia di chiusura del festival del Burning Man, che si tiene ogni anno a Black Rock City, nel deserto del Nevada, un uomo è corso tra le fiamme ed è morto in ospedale per le ustioni riportate.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook, ecco come. Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera 

L’uomo, che è riuscito a superare i due livelli di sicurezza e a gettarsi nel fuoco, è stato estratto dai vigili del fuoco, ma è morto al centro ustioni UC Davis a Sacramento, in California.

– LEGGI ANCHE: Cos’è il Burning Man e perché tutti ne vanno matti

L’uomo era un 41enne originario dell’Oklahoma, Aaron Joel Mitchell, e si era da tempo trasferito in Svizzera con la moglie. Secondo lo staff medico dell’ospedale non era sotto effetto dell’alcol. Si attendono i risultati dell’esame tossicologico.

Circa 70mila persone hanno partecipato al Burning Man festival che dal 1991 celebra ogni anno per nove giorni l’arte e la musica.

L’evento si conclude ogni anno con una cerimonia durante la quale una struttura in legno rappresentante un uomo viene data alle fiamme in segno di rinascita.

– LEGGI ANCHE: Le immagini del Burning Man prima e dopo il festival

– LEGGI ANCHE: Le opere dell’unica artista italiana che parteciperà al Burning Man Festival 2017