Me
Milioni di viaggiatori hanno usato Airbnb nel 2017, soprattutto per visitare l’Asia
Condividi su:
Credit: Airbnb

Milioni di viaggiatori hanno usato Airbnb nel 2017, soprattutto per visitare l’Asia

La stagione estiva in corso, anche se non ancora conclusa, ha fatto registrare un bilancio record per la piattaforma online nata nel 2008

01 Set. 2017
Credit: Airbnb

La piattaforma Airbnb è nata nel 2008 dall’idea di tre amici che volevano offrire ai viaggiatori una sistemazione alternativa in un periodo di tutto esaurito nella città di San Francisco negli Stati Uniti in cui vivevano. Nell’estate 2017, il sito ha fatto registrare il record di oltre 45 milioni di viaggiatori in tutto il mondo che hanno prenotato almeno una notte in una delle destinazioni offerte.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook, ecco come. Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera 

A soli quattro anni dalla sua nascita, nel 2012, Airbnb contava già alloggi in oltre 26mila città in 192 paesi diversi e raggiunse il numero record di 10 milioni di notti prenotate in tutto il mondo. Tra il 1 giugno e il 31 agosto 2017, solo in Italia, sono stati tre milioni i viaggiatori che hanno utilizzato Airbnb, rendendolo il terzo paese per numero di arrivi dopo Stati Uniti e Francia.

In tutto il mondo sono stati 2,6 milioni gli ospiti che hanno prenotato una camera da letto nella sola notte del 12 agosto, proprio quando si è stato raggiunto il picco di visibilità delle stelle cadenti della famosa notte di San Lorenzo.

La destinazione più prenotata dell’estate 2017 si trova in Asia, si tratta di Bangkok, in Thailandia, in cui la piattaforma online permette di esplorare in bicicletta l’oasi naturale dell’isola di Bang Krachao e assaggiare il cibo thailandese.

Firenze invece è stata la seconda destinazione più prenotata del mondo, qui Airbnb offre dei corsi di cucina per imparare i segreti delle ricette tradizionali italiane nella cornice della valle del Chianti.

Bisogna arrivare all’ottava posizione di questa speciale classifica per trovare un’altra destinazione italiana, si tratta di Roma, dove il famoso sito statunitense offre un tour della città alla scoperta dei mercatini locali dove trovare gli ingredienti utili per cucinare piatti tipici della tradizione romana.

– LEGGI ANCHE: Ryanair offrirà voli a prezzi scontati agli studenti Erasmus

La piattaforma online ha anche rivelato che gli italiani quest’anno hanno scelto in particolare mete estere. La top 3 delle destinazioni prenotate e che sono cresciute maggiormente rispetto al 2016 vede al primo posto l’isola caraibica di Trinidad, al secondo posto Sofia, in Bulgaria e al terzo Modena.

La città emiliana ha visto un incremento delle prenotazioni da parte di viaggiatori italiani di ben il 246 per cento rispetto all’anno precedente, complice anche il grande concerto di Vasco Rossi che ha portato al Modena Park oltre 220 mila persone.

La piattaforma online è stata premiata in particolare dalle famiglie, sono stati infatti ben 8 milioni gli ospiti con bambini al seguito sugli oltre 45 milioni di viaggiatori che nell’estate 2017 hanno prenotato almeno una notte su Airbnb.

In base al totale delle prenotazioni effettuate, i paesi di destinazione preferiti dalle famiglie sono stati Stati Uniti, Francia, Italia e Spagna. In Italia questi viaggiatori hanno speso una media di 30 euro a notte, contro gli oltre 40 spesi negli Stati Uniti.

In base alle percentuali di crescita registrate, le destinazioni più popolari per le famiglie sono risultate il sud degli Stati Uniti come Florida e Alabama, le località costiere della Spagna meridionale e le valli collinari della Francia centrale.

Rispetto all’estate 2016, i viaggiatori internazionali hanno scelto di visitare soprattutto destinazioni asiatiche, in particolare in Cina, uno dei mercati maggiormente in ascesa. Le tre destinazioni che sono cresciute di più sono state Hangzhou sulla costa centro orientale della Cina, Chongqing, nella zona centro meridionale del paese e Wuhan, nel cuore del dragone asiatico.

– LEGGI ANCHE: I cammini più belli d’Europa

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus