Me

La vita dentro una comunità hippie di Ibiza nel 2017

Gli scatti della fotografa Valentina Riccardi ritraggono il volto alternativo dell'isola spagnola, lontano dai locali alla moda e dalle feste esclusive

Immagine di copertina
Credit: Valentina Riccardi

Ibiza non è soltanto l’isola dedita allo svago che tutti conoscono: esiste un volto diverso oltre i party estivi e i locali esclusivi, ed è quello che ha voluto documentare la fotografa italiana Valentina Riccardi nella serie di scatti “Tales of an Island”.

Sono in pochi a conoscere l’isola spagnola nella versione ripresa dalla fotografa e popolata dalle comunità hippie che vivono nella parte centrale e settentrionale di Ibiza.

In queste zone è possibile incontrare persone che hanno deciso di seguire uno stile di vita alternativo, aderendo a comunità come quella di Casita Verde a San Rafel che apre le sue porte al pubblico ogni domenica.

I mercatini hippie sono diffusi un po’ in tutta l’isola, quello più conosciuto è il mercato di Las Dalias a San Carlos, nel nord.

Erano gli anni Sessanta quando i primi hippie della California, che da Marrakech in Marocco si recavano a Goa, cominciarono a fare tappa a Ibiza e a trascorrervi estati spensierate.

Negli anni Settanta l’avvento dei voli charter e degli aerei di grandi dimensioni determinarono la nascita dei viaggi organizzati verso l’isola.

Dopo aver consolidato la sua fama, Ibiza ha cominciato e continua ad attrarre hippie nonché personaggi famosi da ogni parte del mondo.