Me
Coca-Cola offre un milione di dollari a chi risolverà il suo problema con lo zucchero
Condividi su:

Coca-Cola offre un milione di dollari a chi risolverà il suo problema con lo zucchero

I produttori della bibita più famosa al mondo cercano un nuovo dolcificante, per combattere il calo di vendite dovuto alle preoccupazioni dei consumatori

24 Ago. 2017

Per oltre un secolo è stata l’azienda leader sul mercato nell’ambito delle bevande zuccherate, ma perfino Coca-Cola è dovuta correre ai ripari ora che le vendite hanno subito un calo notevole a causa delle preoccupazioni salutiste dei consumatori.

Negli ultimi quindici anni, i cittadini statunitensi hanno bevuto il 19 per cento in meno di bibite, a dimostrazione che l’associazione tra zuccheri e malattie croniche è diventata una questione tenuta tenuta sempre più in considerazione al momento di scegliere quali bevande consumare.

Per evitare che questo declino continui, Coca-Cola ha aperto un bando sul suo sito in cui si invita chiunque voglia partecipare a proporre un composto naturale che abbia un minore tasso calorico ma che offra ai consumatori lo stesso gusto dello zucchero.

Il premio per chi riuscirà a offrire all’azienda un prodotto del genere è di un milione di dollari, a dimostrazione del fatto che i produttori della bevanda hanno un disperato bisogno di una soluzione a breve termine.

Naturalmente non si tratta della prima volta che aziende come Coca-Cola cercano di trovare una soluzione al problema, usando saccarina o aspartame come dolcificanti, che però hanno trovato resistenze nei consumatori preoccupati dalla loro origine chimica.

Per gli scienziati o gli appassionati che vogliano tentare di partecipare al concorso, questo è il link dedicato.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus