Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La scena comica più famosa di Jerry Lewis

In una delle sue vette di virtuosismo, l'attore – scomparso il 20 agosto – batte su una macchina da scrivere invisibile nel film del 1963 “Dove vai sono guai!”

Immagine di copertina

È morto il 20 agosto a Las Vegas all’età di 91 anni Jerry Lewis, attore e regista che negli anni Cinquanta e Sessanta ottenne un grandissimo successo grazie al suo talento comico.

Dopo aver iniziato a recitare alla fine degli anni Quaranta in coppia con l’altra celebrità Dean Martin, Lewis intraprese una carriera durante la quale prese parte a oltre 40 film, quasi tutti comici, se si escludono prove più serie come Re per una notte di Martin Scorsese, in coppia con Robert De Niro.

Se è impossibile ricordare tutti i suoi ruoli, c’è una scena della sua filmografia che ancora oggi viene considerata una delle sue vette di virtuosismo d’attore, quella che lo vede impegnato a battere su una macchina da scrivere invisibile nel film del 1963 Dove vai sono guai! (Who’s Minding the Store?).

Il brano che fa da colonna sonora alla sequenza è The Typewriter, un brano orchestrale di Leroy Anderson scritto nel 1950 con la particolarità di prevedere tra gli strumenti, oltre a violini e altri strumenti classici, anche una macchina da scrivere, che col suono dei tasti si inserisce perfettamente nella struttura musicale del pezzo.

Nel film, il personaggio di Jerry Lewis dà vita a una gag geniale sedendosi a una scrivania d’ufficio vuota, e mimando i gesti di un dattilografo per circa due minuti in sincrono con la musica di sottofondo, in una scena surreale e irresistibile. Eccola: