Me

La Cina pagherà il prezzo maggiore per le sanzioni Onu imposte alla Corea del Nord

Pechino rimane comunque determinata ad applicare la risoluzione del Consiglio di sicurezza votata sabato 5 agosto all'unanimità

Immagine di copertina
Il ministro degli esteri cinese Wang Yi (a destra) durante il forum di Manila. Credit: Mohd Rasfan

Nel corso di un incontro sulla sicurezza regionale che si è svolto a Manila lunedì 7 agosto, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha detto che la Cina pagherà il prezzo maggiore per le sanzioni delle Nazioni Unite nei confronti della Corea del Nord, a causa delle forti relazioni economiche che legano i due paesi asiatici, e che tuttavia Pechino è determinata ad applicare la risoluzione Onu.

Il Consiglio di Sicurezza ha approvato sabato 5 agosto all’unanimità nuove sanzioni contro la Corea del Nord, che potrebbero tagliare di un terzo i suoi ricavi sull’esportazione, pari a 3 miliardi di dollari l’anno.

Il ministro cinese ha aggiunto inoltre che la nuova risoluzione mostra l’opposizione della Cina e della comunità internazionale ai test missilistici continuativi della Corea del Nord in un comunicato citato dall’agenzia Reuters.

La Corea del Nord dichiara che gli Stati Uniti pagheranno per le sanzioni imposte