Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Ricordando Tiziano Terzani

È stato uno dei giornalisti italiani di maggior prestigio a livello internazionale, fonte di ispirazione per tantissimi giovani che si sono avvicinati a questa carriera e autore di reportage e racconti tradotti in tutto il mondo

Immagine di copertina

“Perché il potere corrompe, il potere ti fagocita, il potere ti tira dentro di sé! Il mio istinto è sempre stato di starne lontano. Ho sempre avuto questo senso di orgoglio che io al potere gli stavo di faccia, lo guardavo, e lo mandavo a fanculo.

Aprivo la porta, ci mettevo il piede, entravo dentro, ma quando ero nella sua stanza, invece di compiacerlo controllavo che cosa non andava, facevo le domande. Questo è il giornalismo”.

Con queste parole, il giornalista e scrittore Tiziano Terzani descriveva la sua idea di giornalismo.

Tiziano Terzani è stato un profondo conoscitore del continente asiatico e uno dei giornalisti italiani di maggior prestigio a livello internazionale. È stato inoltre autore di reportage e racconti tradotti in tutto il mondo. Per anni è stato uno dei collaboratori di punta del Corriere della Sera. Nel 1971 era diventato corrispondente dall’Asia per il settimanale tedesco Der Spiegel. E’ vissuto a Singapore, Hong Kong, Pechino, Tokyo e Bangkok.

Dopo essersi ammalato per un tumore all’intestino, è scomparso il 28 luglio 2004.

In questo video, il giornalista raccontava la sua trasformazione e il suo allontanamento dal mondo del giornalismo: