Me

Il primo ministro del Pakistan si è dimesso

Nawaz Sharif è stato condannato dalla Corte Suprema a seguito di uno scandalo familiare legato ai Panama papers

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Nawaz Sharif, primo ministro del Pakistan, è stato interdetto dai pubblici uffici dalla Corte Suprema del paese asiatico a seguito di uno scandalo di corruzione.

Il caso è iniziato con le rivelazioni su compagnie e conti offshore di personaggi politici di tutto il mondo, i cosiddetti Panama Papers.

Nei documenti rivelati da un’inchiesta giornalistica internazionale non viene mai nominato direttamente il premier Sharif, ma sono presenti i nomi e i rapporti dei suoi figli con alcune aziende del paese impegnate a trasferire fondi all’estero. In particolare, ha destato scandalo l’acquisto di alcune proprietà immobiliari nel Regno Unito, inclusi quattro appartamenti di lusso a Londra.

L’opposizione ha accusato il premier e tutta la sua famiglia di maneggiare denaro frutto di evasione fiscale e ne aveva chiesto le dimissioni, ma Sharif si è sempre rifiutato di lasciare il governo di Islamabad, ribadendo come fosse tutta una manovra politica per screditare la sua azione politica.

“Non è più eleggibile come membro del parlamento e non può più occupare l’ufficio di primo ministro”, ha detto il giudice Ejaz Afzal Khan. Oltre Sharif, è stato condannato anche il ministro delle finanze di Islamad, Ishaq Dar.

A seguito del pronunciamento della Corte, il primo ministro Sharif si è dimesso dal suo incarico e il principale listino del paese ha perso il 3,4 per cento alla notizia.

– LEGGI ANCHECosa ha rivelato l’inchiesta internazionale dei Panama papers

I Panama Papers spiegati a un bambino di cinque anni