Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Inizia il processo per 17 giornalisti accusati di terrorismo in Turchia

I giornalisti del quotidiano di opposizione Cumhuriyet sono accusati di avere legami con i militanti curdi e i gulenisti

Immagine di copertina
Credit: Murad Sezer

Diciassette giornalisti e dirigenti del quotidiano di opposizione turco Cumhuriyet saranno processati a partire da lunedì 24 luglio dopo essere stati accusati di supportare un’organizzazione terroristica.

Dieci di loro sono già stati in carcere per almeno 9 mesi. Se condannati, potrebbero essere rinchiusi in carcere per un totale di 43 anni.

Una folla di sostenitori si è radunata al palazzo di Giustizia di Istanbul, ha lanciato dei palloncini e chiesto il loro rilascio. Poi hanno provato a entrare nel tribunale per l’inizio del processo.

Uno dei giornalisti a dover affrontare il processo è il 71enne Turhan Gunay, direttore dell’inserto del quotidiano sulla lettura. La figlia ha denunciato che l’uomo ha avuto problemi di salute e un intervento chirurgico.

Lo scorso 16 luglio in Turchia si è celebrato il primo anno dal fallito golpe che ha provocato una pesante repressione da parte del presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

– LEGGI ANCHE: Il giornalismo indipendente in Turchia è sull’orlo di un precipizio

I giornalisti sono accusati di avere legami con i militanti curdi e i gulenisti, e di aver sostenuto il fallito golpe di luglio 2016.

Secondo le organizzazioni di giornalisti sono attualmente 150 i giornalisti che si trovano in prigione in Turchia.

L’ex direttore di Cumhuriyet, Can Dundar, che ora vive in esilio in Germania, è il sospettato numero uno dalle autorità per questo processo. È stato condannato a 3 mesi di galera lo scorso anno per spionaggio in un processo differente, ma è stato rilasciato su cauzione.

– LEGGI ANCHE: La Turchia a un anno dal fallito golpe