Me
Il pappagallo coinvolto in un caso di omicidio negli Stati Uniti
Condividi su:
pappagallo
Un esemplare di pappagallo cenerino africano. Credit: Reuters

Il pappagallo coinvolto in un caso di omicidio negli Stati Uniti

Una donna statunitense è stata condannata per l'omicidio del marito, padrone di un cenerino africano che aveva memorizzato le parole della vittima prima di morire

20 Lug. 2017
pappagallo
Un esemplare di pappagallo cenerino africano. Credit: Reuters

Il 20 luglio 2017 la cittadina statunitense Glenna Duram è stata condannata in primo grado per l’omicidio del marito da una giuria nello stato americano del Michigan, in un caso che – del tutto inaspettatamente – ha coinvolto anche il pappagallo della vittima.

A maggio del 2015 il 46enne Martin Duram è stato ucciso con cinque colpi di pistola dalla moglie 49enne, che poi ha puntato la pistola verso di sé e provare a togliersi la vita.

Glenna Duram si è ferita alla testa ma è sopravvissuta, ma è stata accusata dell’omicidio del marito. Secondo gli investigatori, la donna ha sparato a Martin di fronte al pappagallo di quest’ultimo.

L’ex moglie di Martin Duram, Christina Keller, che si è presa cura del pappagallo dalla morte del suo padrone, ha detto infatti che dopo l’omicidio l’animale ha ripetuto la frase: “Non sparare”, imitando la voce dell’uomo – nella frase era presente anche una parolaccia che è stata omessa.

Come riporta la Bbc, il pappagallo non è stato utilizzato come prova durante il processo, anche se inizialmente gli avvocati avevano ventilato questa possibilità.

I genitori della vittima, tuttavia, concordano sul fatto che l’uccello possa aver sentito la coppia litigare e abbia ripetuto le loro ultime parole.

L’animale in questione si chiama Bud ed è un pappagallo cenerino africano di medie dimensioni appartenente alla famiglia Psittacidae.

La pena di Glenna Duram sarà stabilita dai giudici ad agosto 2017.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus