Me
Com’è nata l’assurda teoria complottista su Lady Gaga assassina
Condividi su:
lady gaga malattia mentale

Com’è nata l’assurda teoria complottista su Lady Gaga assassina

La pop star statunitense è accusata da gruppi di cospirazionisti di aver ucciso nel 2008 la cantante Lina Morgana, di averle rubato lo stile e il look

19 Lug. 2017
lady gaga malattia mentale

Lady Gaga è un’assassina. A sostenerlo è una diffusa teoria del complotto – ricostruita dal sito The Outline – secondo cui la popstar statunitense avrebbe ucciso una giovane cantante di origini russe.

Le prime voci sul complotto sono iniziate a circolare il 25 ottobre 2008 su Yahoo, dopo un episodio del programma televisivo Celebrity Ghost Stories, dedicato alla morte di Lina Morgana, la cantante morta suicida a 19 anni il 4 ottobre di quell’anno.

In quei giorni alcuni utenti di Yahoo e di altri forum hanno iniziato a porsi domande sulla morte della giovane donna, dal momento che erano pochissime le informazioni reperibili sull’argomento.

La domanda è stata posta anche su FindADeath.com, un sito dedicato alle morti di celebrità e su MyDeathSpace.com. In molti si chiedevano come fosse possibile che una cantante fosse morta tragicamente senza che nessuno se ne fosse occupato.

La versione ufficiale della sua morte, a cui molti non credono, dice che la ragazza si è gettata dal tetto di un hotel di 10 piani a Staten Island, proprio nello stesso periodo in cui iniziava l’ascesa della popolarità di Lady Gaga, allora ancora conosciuta come Stefani Germanotta.

Le versioni cospirazioniste raccontano che Lina non si sarebbe suicidata perché sotto il controllo psichico degli Illuminati. La versione più accreditata è che sarebbe stata uccisa da Lady Gaga.

Quando è morta Lina Morgana aveva appena firmato un contratto con la Sony e stava lavorando con Lady Gaga e il suo produttore Rob Fusari. Le due avrebbero inciso 12 brani insieme, ma nessuno di questi è mai stato pubblicato.

Alcuni dei video musicali di Morgana, le esibizioni dal vivo e le riprese in studio sono disponibili su YouTube, condivisi e commentati da una nutrita schiera di fan, che continua a crescere.

La teoria cospirazionista che lega Lina Morgana e Lady Gaga è ormai talmente diffusa in rete che si fa fatica a distinguere ciò che è vero da ciò che è ironico. Una lunga serie di meme sono stati creati sull’argomento e tantissimi forum hanno cercato di “investigare” su questa storia.

Secondo quelli che credono alla teoria, Lady Gaga avrebbe rubato lo stile di Morgana, quello che ha condotto al successo il suo personaggio. Ma i complotti non finiscono qui: sono in tanti a pensare che la popstar sia figlia di Satana e membro della setta degli Illuminati, che controlla l’industria musicale mondiale.

Un ruolo importante in questa storia è stato svolto dalla madre, Yana Morgana, ormai defunta, che nel 2010 aveva dichiarato al New York Times che Lady Gaga “avrebbe tenuto prigioniera l’anima della figlia”, rubandole il look, il sound e il suo passato.

Forbes, che cita la madre di Lina, scrive: “Lady Gaga ha rubato la vita di mia figlia, tutto ciò che l’ha resa famosa lo ha inventato Lina. Gaga parla di una vita oscura e tragica, ma ha sempre avuto tutto quello che voleva dal mondo. Andò alla stessa scuola di Nicky Hilton. I suoi genitori erano ricchi. È Lina che ha avuto una vita dura. Lady Gaga ha iniziato il successo sulla scena nazionale un mese dopo la morte di Lina”.

Secondo alcuni, la “confessione dell’omicidio sarebbe contenuta nel video della canzone di Lady Gaga Paparazzi, che inizia con un uomo, sorpreso dai paparazzi, che butta dal balcone una donna. Il video, diretto da Jonas Åkerlund, interpretato dalla stessa Lady Gaga e dall’attore svedese Alexander Skarsgård.

Secondo la rivista Rolling Stone però l’episodio sarebbe piuttosto un omaggio al film di Alfred Hitchcock, La donna che visse due volte. Nel video Lady Gaga non muore, ma rimane in sedia a rotelle.

Il video di Paparazzi:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus