Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La Russia è stata condannata per il sequestro di una nave di Greenpeace

Mosca dovrà pagare oltre 5 milioni di euro di danni ai Paesi Bassi per la vicenda avvenuta settembre 2013

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Un arbitrato internazionale si è concluso con la condanna della Russia al pagamento di oltre 5 milioni di euro di danni, più gli interessi, ai Paesi Bassi per la vicenda degli “Arctic 30”.

Mosca è stata condannata per l’abbordaggio illegale, il sequestro e la detenzione della nave di Greenpeace battente bandiera olandese, Arctic Sunrise, avvenuto a settembre 2013. Gli “Arctic 30” – 28 attivisti di Greenpeace e due giornalisti freelance – furono detenuti per due mesi in carcere prima di essere rilasciati su cauzione e poi scarcerati in seguito a un’amnistia adottata dalla Duma.

La nave Arctic Sunrise venne restituita a Greenpeace dopo nove mesi di detenzione nel porto russo di Murmansk, seriamente danneggiata. Anche i gommoni e altre dotazioni di bordo avevano subito gravi danni.  

Già nell’agosto del 2015 la Russia era stata ritenuta responsabile da un tribunale internazionale per abbordaggio, sequestro e detenzione della nave e per le misure successive prese nei confronti della nave e del suo equipaggio. Oggi il danno è stato stimato in termini economici.

Il governo russo ha sempre rifiutato di partecipare ai diversi procedimenti legali o di pagare la sua quota di spese legali stabilita dal tribunale. Non è quindi chiaro se questa volta rispetterà il giudizio legalmente vincolante e pagherà i danni.

Quanto il governo olandese dovesse successivamente riconoscere a Greenpeace International verrà impiegato per coprire i costi di riparazione della nave, mentre la compensazione per i danni immateriali sofferti dagli Arctic 30 andrà naturalmente ai singoli individui coinvolti.

Gli Arctic 30 si sono rivolti alla Corte europea per i diritti umani, sostenendo che le azioni intraprese dalle Autorità russe hanno leso i loro diritti al libero movimento e alla libertà d’espressione. Il caso è ancora però nelle sue fasi iniziali.