Me
Sorry di Justin Bieber non è più la canzone più ascoltata di sempre in streaming
Condividi su:

Sorry di Justin Bieber non è più la canzone più ascoltata di sempre in streaming

Al primo posto, con 4,6 miliardi di ascolti, sale la hit mondiale Despacito di Luis Fonsi, a cui ha partecipato anche il cantante canadese sceso al secondo posto

12 Set. 2017

Despacito di Luis Fonsi è diventata la canzone più ascoltata in streaming di sempre, dopo solo sei mesi dalla sua uscita.

Il brano è stato riprodotto 4,6 miliardi di volte su tutte le piattaforme – in particolare Spotify e Apple Music –, superando la precedente capolista Sorry, del cantante canadese Justin Bieber. Quest’ultimo però si può consolare, avendo partecipato per una collaborazione nella nuova hit mondiale.

“Quello che è successo con questa canzone è assurdo”, ha detto Fonsi, che è originario di Porto Rico, vive a Miami e canta in Spagnolo.

Despacito ha raggiunto la posizione numero uno in 45 paesi del mondo. Il titolo significa “lentamente” e fa riferimento alla velocità della tecnica di seduzione del cantante. Già a gennaio aveva ottenuto un enorme successo in America Latina, raggiungendo la fama internazionale solo quando Bieber, avendo sentito il brano in un nightclub, aveva chiesto di poter aggiungere alcuni versi in inglese.

La canzone di Fonsi ha altri record, tra cui quello di essere diventato su Vevo il video in lingua spagnola più visto in 24 ore (5,4 milioni di visualizzazioni).

Despacito mostra che i servizi di streaming stanno democratizzando il mercato della musica”, ha detto Lucian Grainge, della Universal Music Group. “Lo streaming ha permesso a una canzone proveniente da un cultura e lingua diversa rispetto a quelle inglesi di diventare un successo”.

Al terzo posto della classifica delle canzoni più ascoltate in streaming di sempre c’è Shape of You del cantautore britannico Ed Sheeran, con oltre 4 miliardi di ascolti.

Ecco i video dei tre brani sul podio:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus