Me
La marcia contro la corruzione nella Repubblica Dominicana
Condividi su:

La marcia contro la corruzione nella Repubblica Dominicana

La protesta, con decine di migliaia di partecipanti, ha chiesto le dimissioni del presidente per uno scandalo scoppiato a gennaio 2017

Il 16 luglio decine di migliaia di manifestanti hanno protestato nelle strade di Santo Domingo, capitale della Repubblica Dominicana. La manifestazione è una delle più grandi in seguito a uno scandalo di corruzione che ha colpito alcune autorità dell’isola caraibica a gennaio 2017.

I manifestanti, per la stragrande maggioranza giovani, erano vestiti di colore verde, per rappresentare il movimento ambientalista, e sventolavano centinaia di bandiere bianche, rosse e blu. L’obiettivo della marcia era chiedere le dimissioni del presidente Danilo Medina.

Lo scandalo è scoppiato a gennaio 2017, quando un’indagine ha rivelato che la compagnia brasiliana Odebrecht aveva pagato 92 milioni di dollari di tangenti ad autorità dominicane.

Un alleato di Medina, Temistocles Montas, e il tesoriere del partito al governo, Victor Diaz Rua, sono stati arrestati.

Le elezioni presidenziali sono previste per il 2020.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus