Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La marcia contro la corruzione nella Repubblica Dominicana

La protesta, con decine di migliaia di partecipanti, ha chiesto le dimissioni del presidente per uno scandalo scoppiato a gennaio 2017

Immagine di copertina

Il 16 luglio decine di migliaia di manifestanti hanno protestato nelle strade di Santo Domingo, capitale della Repubblica Dominicana. La manifestazione è una delle più grandi in seguito a uno scandalo di corruzione che ha colpito alcune autorità dell’isola caraibica a gennaio 2017.

I manifestanti, per la stragrande maggioranza giovani, erano vestiti di colore verde, per rappresentare il movimento ambientalista, e sventolavano centinaia di bandiere bianche, rosse e blu. L’obiettivo della marcia era chiedere le dimissioni del presidente Danilo Medina.

Lo scandalo è scoppiato a gennaio 2017, quando un’indagine ha rivelato che la compagnia brasiliana Odebrecht aveva pagato 92 milioni di dollari di tangenti ad autorità dominicane.

Un alleato di Medina, Temistocles Montas, e il tesoriere del partito al governo, Victor Diaz Rua, sono stati arrestati.

Le elezioni presidenziali sono previste per il 2020.