Me

5 rangers sono stati trovati morti in Repubblica democratica del Congo

Immagine di copertina
Credit: Reuters/James Akena

Cinque rangers della Repubblica democratica del Congo sono morti mentre una giornalista statunitense è stata ritrovata in buone condizioni di salute nella Riserva naturale dell’Okapi, nel nord est del paese.

Alcuni uomini armati non identificati avevano attaccato il gruppo venerdì 14 luglio. A riferirlo è stata l’agenzia di stampa Reuters.

L’amministratore del territorio di Mambasa, Alfred Bongwalanga, ha dichiarato che la giornalista è riuscita a salvarsi nascondendosi nella foresta.

Il funzionario congolese ha riferito che la donna, di nazionalità statunitense, è stata salvata dall’esercito del paese africano.

“Sono cinque i morti, tutti guardiani del parco che sono stati coinvolti nella sparatoria”, ha detto Bongwalanga.

“La giornalista americana Lisa Dupuy è stata trovata sana e salva alle 3 del mattino di domenica” dalle truppe governative, ha dichiarato all’agenzia di stampa AFP, Pacifique Keta, vice governatore della provincia di Ituri.

“Al momento le operazioni militari sono ancora in corso”, ha aggiunto Keta.

Almeno 10 persone sono scomparse dopo l’attacco nei pressi della città di Mambasa, ma sei di loro, tutte guardie congolesi del parco di Okapi, sono stati poi ritrovati vivi.

Due giornalisti britannici e altri cinque funzionari congolesi sarebbero fuggiti secondo fonti dell’agenzia di stampa Associated Press.

Sempre secondo AP, un gruppo congolese per la difesa dei diritti umani ha accusato degli attacchi la milizia ribelle locale Mai Mai SIMBA, attiva nel 2013 in tutto l’est del paese.

Il Congo orientale è stato inoltre teatro di numerose guerre e rivolte negli ultimi due decenni ed è tuttora infestato da ribelli e bande armate.

I guardiani del parco Okapi cercano di proteggere le popolazioni di elefanti e gorilla in via di estinzione e si scontrano spesso con criminali armati decisi a sfruttare le risorse minerali e faunistiche della zona.