Me
Malta ha legalizzato i matrimoni omosessuali
Condividi su:
Credit: Reuters

Malta ha legalizzato i matrimoni omosessuali

La nuova legge ha ottenuto il supporto di tutto il parlamento e introduce novità anche sulle adozioni

12 Set. 2017
Credit: Reuters

Mercoledì 12 luglio il parlamento della Repubblica di Malta ha approvato la legalizzazione dei matrimoni omosessuali.

La nuova legge – passata con il supporto di tutti gli schieramenti, ricevendo 66 voti favorevoli e soltanto uno contrario – interviene sulla disciplina delle adozioni, già previste nel paese per le unioni civili omosessuali.

La norma rimuove le parole “marito” e “moglie” dal Marriage Act, sostituendole con la parola dal genere neutro “sposo”. “Padre” e “madre” cedono il posto alle espressioni “genitore che non ha partorito” e “genitore che ha partorito”.

Per quanto riguarda le nozze eterosessuali, il “nome della ragazza” è sostituito con il cognome alla nascita. Inoltre le coppie possono da ora scegliere quale dei due cognomi adottare dopo le nozze.

“È un voto storico: mostra che la nostra democrazia e la nostra società hanno raggiunto un livello di maturità. Possiamo dire ora che siamo tutti uguali”, ha detto il primo ministro maltese Joseph Muscat. Malta aveva approvato una legge sul divorzio soltanto nel 2011.

Il leader dell’opposizione Simon Busuttil ha dichiarato che con questa scelta, Malta è “nel lato giusto della storia”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus