Me

Cosa c’entra la morte di centinaia di cammelli con la crisi diplomatica dei paesi del Golfo

I mandriani del Qatar, grande circa 11mila chilometri quadrati, portano spesso al pascolo i loro animali nella vicina, e ben più estesa, Arabia Saudita. Ma da quando è iniziata la crisi diplomatica sono iniziati i problemi

Immagine di copertina

Centinaia di cammelli sono morti di sete, dopo che i mandriani del Qatar sono stati espulsi dall’Arabia Saudita a causa della rottura delle relazioni diplomatiche tra i due paesi. Gli agricoltori e mandriani del Qatar, grande circa 11mila chilometri quadrati, portano spesso al pascolo i loro animali nella vicina, e ben più estesa, Arabia Saudita.

Gli animali sono morti al confine tra i due paesi dal momento che solo poche centinaia di cammelli sono stati ammessi a attraversare la frontiera ogni giorno. I cammelli in attesa sono stati lasciati dentro alcuni recinti, con temperature che hanno raggiunto i 50 gradi.

Altri animali sono stati lasciati morire ai bordi delle strade. Alcuni allevatori hanno lasciato il paese immediatamente, altri invece sono bloccati da due settimane, dopo la rottura diplomatica.

Un allevatore di cammelli, Hussein Al-Marri, ha dichiarato: “Sono tornato dall’Arabia Saudita e ho visto oltre 100 cammelli morti sulla strada, oltre a centinaia di cammelli e pecore dispersi”.

Nel territorio del Qatar, il ministero dell’Ambiente ha fornito rifugio, acqua e cibo a più di 8.000 cammelli. I funzionari statali hanno detto che i veterinari del paese sono stati mobilitati per aiutare gli animali. Sarebbero tra i 12.000 e 25.000 gli animali rimasti vittime della crisi diplomatica del Golfo.

Nel giugno 2017 Bahrein, Egitto, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti hanno interrotto ogni rapporto diplomatico con il Qatar, accusandolo di sostenere l’estremismo islamico e presentando una serie di richieste per riprendere le relazioni.

“È una situazione che abbiamo visto innumerevoli volte, in Somalia, in Mali e in molte altre località”, ha dichiarato la Ong di tutela dei diritti degli animali Spana.

“È fondamentale che il benessere degli animali sia prioritario e che ricevano requisiti essenziali come il cibo, l’acqua, il riparo e l’accesso alle cure veterinarie. È anche importante ricordare che le comunità che dipendono dagli animali in tutto il mondo sono di solito le più povere della società: questi animali sono spesso di tutto ciò che hanno e sono assolutamente fondamentali per il loro sostentamento. La perdita dei loro animali può avere conseguenze devastanti per le famiglie vulnerabili”, hanno proseguito.