Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Un uomo ha ucciso la moglie in India perché ha servito la cena troppo tardi

L'omicidio è avvenuto l'8 luglio scorso a Ghaziabad, nei sobborghi di New Delhi. Nel paese asiatico, nel 2015, ogni quattro minuti è stata segnalata una violenza domestica

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Un uomo di 60 anni è stato arrestato a Ghaziabad, nei sobborghi di New Delhi per aver ucciso la moglie dopo che gli era stata servita la cena troppo tardi. A riferirlo è la BBC che cita fonti della polizia locale.

Ashok Kumar, questo il nome dell’uomo e sua moglie Sunaina, di 55 anni vivevano nella loro casa di Mansarovar Park, a Kavi Nagar, un quartiere centrale di Ghaziabad, insieme ai due figli Tinku, di 28 anni e Rinku, di 32 e con la moglie di quest’ultimo Soni e i loro figli di 7 e 4 anni. L’uomo guida un piccolo mezzo di trasporto merci insieme al figlio minore Tinku mentre Rinku, il primogenito, è proprietario di un taxi.

I fatti si sono svolti la sera di sabato 8 luglio, quando l’uomo è tornato a casa ubriaco intorno alle 21 e due ore dopo ha preteso che la moglie gli servisse la cena. Secondo il figlio Rinku, tutta la famiglia era in casa e i bambini dormivano quando è scoppiata la lite. La moglie Sunaina si era rifiutata di far mangiare il marito prima di aver discusso del suo problema con l’alcol.

A quel punto l’uomo ha estratto una pistola e ha minacciato sua moglie, ma nonostante l’intervento del figlio maggiore e di sua moglie Soni, Kumar ha sparato alla testa di Sunaina. La donna è stata immediatamente portata nel vicino ospedale di Sarvodaya ma i medici non hanno potuto salvarla.

“L’accusato è stato subito preso in custodia e quindi arrestato dopo aver confessato il suo crimine”, ha dichiarato al quotidiano The Times of India Ajay Verma, funzionario locale di polizia.

Nel paese asiatico, nel 2015, ogni quattro minuti è stata segnalata una violenza domestica. Secondo la corrispondente della BBC a New Delhi, Geeta Pandey, la violenza di genere si verifica in tutto il mondo ma ciò che distingue l’India dagli altri paesi è la cultura del silenzio e dell’approvazione che spesso la circonda.

Secondo un’indagine condotta dal governo indiano infatti, più del 54 per cento degli uomini e il 51 per cento delle donne hanno dichiarato che è giusto che un marito picchi la moglie se quest’ultima non rispetta i suoi genitori, trascura la cura della casa o dei figli o addirittura cucina con troppo o troppo poco sale.