Me
Gangnam style ha perso il primato di video più cliccato di YouTube
Condividi su:

Gangnam style ha perso il primato di video più cliccato di YouTube

La canzone dell'artista sudcoreano Psy era stata la clip più riprodotta del sito negli ultimi cinque anni ma è stata ora superata da See you again, composta dal rapper statunitense Wiz Khalifa e dal cantante newyorkese Charlie Puth

11 Lug. 2017

Il video più visto di YouTube, Gangnam style, ha perso il suo primato di visualizzazioni degli ultimi anni. La hit del cantante sudcoreano Psy, che fu invitato a ballarla allo stadio Olimpico in occasione della finale di Coppa Italia tra Lazio e Roma nel 2013, era stata riprodotta oltre due miliardi e 894 milioni di volte.

Il video del rapper asiatico era diventato così popolare che da mandare in tilt il contatore di YouTube , superando il numero massimo di visualizzazioni che il sito riusciva a contare, ovvero oltre due miliardi (precisamente 2.147.483.647 riproduzioni) e costringendo la società a riscrivere il proprio codice.

Il video più cliccato di YouTube è ora la canzone See you again, composta dal rapper statunitense Wiz Khalifa e dal cantante newyorkese Charlie Puth. Questo brano è stato riprodotto quasi un milione di volte in più di Gangnam style.

La canzone, il singolo più venduto al mondo nel 2015, è stata scritta per il film Fast & Furios 7 e in omaggio all’attore Paul Walker, morto in un incidente d’auto prima della fine delle riprese. Con il suo testo sentimentale è diventato uno dei brani più richiesti ai funerali nel Regno Unito.

Il video contiene la scena finale del film, in cui i due protagonisti Dominic Toretto, interpretato dall’attore Vin Diesel e Cody Walker, fratello dell’attore deceduto Paul, che interpreta il personaggio di Brian O’Conner, guidano fianco a fianco, sorridendosi un’ultima volta prima di prendere strade separate in direzione del tramonto.

Alla fine del video, mentre la telecamera si alza al cielo, sullo schermo appare la scritta Per Paul.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus