Me

Cosa ha scritto Donald Trump Jr. nelle email sulle informazioni dalla Russia

Domenica 9 luglio Donald Trump Jr era stato accusato di avere incontrato un’avvocata russa legata al Cremlino durante la campagna elettorale del 2016 con la promessa di poter ottenere informazioni compromettenti sulla candidata democratica

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Martedì 11 luglio Donald Trump Jr., figlio del presidente degli Stati Uniti, ha scelto di pubblicare le email in cui gli erano state promesse informazioni “sensibili” su Hillary Clinton da parte di una cittadina russa.

Domenica 9 luglio Donald Trump Jr era stato accusato di avere incontrato un’avvocata russa legata al Cremlino durante la campagna elettorale del 2016 con la promessa di poter ottenere informazioni compromettenti sulla candidata democratica.

Il mittente delle mail pubblicate è Rob Goldstone, l’intermediario che organizzò l’incontro tra il figlio di Trump e l’avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che si è svolto alla Trump Tower di Manhattan a New York il 9 giugno 2016, due settimane dopo la nomination dell’imprenditore statunitense come candidato repubblicano.

Le mail stavano per essere pubblicate dal New York Times e possono essere considerate attendibili. Eccole:

Ecco cosa ha scritto oggi Trump Jr. come introduzione alle mail:

“Allo scopo di essere completamente trasparente rilascio l’intero scambio di email con Rob Goldstone riguardo all’incontro tenutosi il 9 giugno 2016. La prima email del 3 giugno è stata da parte di Rob, che riportava una richiesta da parte di Emin, una persona che conobbi al concorso di Miss Universo 2013 vicino Mosca.

Emin e suo padre possiedono un’azienda molto rispettata a Mosca. Credevo che le informazioni che sostenevano di avere riguardo Hillary Clinton consistessero in ricerca politica di opposizione. Inizialmente volevo parlarci al telefono, ma quando la cosa non ha funzionato hanno detto che la donna sarebbe stata a New York e mi hanno chiesto se potessi incontrarla. Ho deciso di accettare. La donna, come ha detto pubblicamente, non era affiliata al governo. E, come abbiamo detto, non aveva nessuna informazione da fornire e voleva parlare di politiche sull’adozione e della Legge Magnitsky. Per mettere il tutto in un contesto più ampio, questo è accaduto prima che l’attuale interesse sulla Russia fosse in voga. Come ha detto Rob Goldstone oggi alla stampa, l’intero incontro è stato ‘il nonsense più inutile che abbia mai sentito, e mi ha reso agitato’”.

Ecco cosa si sono detti Trump Jr. e Goldstone nelle loro email risalenti al giugno 2016:

Inizialmente Rob Goldstone scrive: “Emin ha appena chiamato e mi ha detto di contattarti per qualcosa di molto interessante. Il procuratore della Corona russo si è incontrato con suo padre Aras questa mattina e durante il loro incontro si è offerto di dare alla campagna elettorale di Trump documenti ufficiali e informazioni che potrebbero incriminare Hillary Clinton e i suoi affari con la Russia, e che sarebbero molto utili per tuo padre. Si tratta ovviamente di informazioni molto sensibili ma è parte della Russia e del supporto del suo governo per Mr. Trump insieme ad Aras e Emin”.

Donald risponde “Grazie Rob, sono in viaggio al momento ma magari posso parlare prima con Emin. Sembra che avremo un po’ di tempo e se è come dici è fantastico, soprattutto per più avanti durante l’estate. Possiamo sentirci per telefono la settimana prossima quando sarò tornato?”.

Goldstone gli scrive in seguito: “Fammi sapere quando sei libero di parlare con Emin per telefono di queste informazioni su Hillary”, e informa poi Donald Jr. dei dettagli dell’incontro, scrivendogli: “Emin mi ha chiesto di organizzare un incontro con te e l’avvocata del governo russo, che volerà da Mosca questo giovedì”.