Me

I tweet di Donald Trump per difendere sua figlia Ivanka dalle accuse di nepotismo

La secondogenita trentacinquenne di Trump aveva accompagnato suo padre al G20 di Amburgo ed era circolata una foto in cui la si vedeva seduta a un tavolo con i presidenti e primi ministri di tutto il mondo al posto del padre

Immagine di copertina

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha utilizzato Twitter nella mattinata di oggi 10 luglio per schierarsi a difesa di sua figlia Ivanka, che negli ultimi giorni è stata oggetto di molte critiche per aver brevemente sostituito suo padre durante un incontro del G20 di Amburgo.

La secondogenita trentacinquenne di Trump aveva accompagnato suo padre durante il suo viaggio in Europa, ed era circolata una foto in cui la si vedeva seduta a un tavolo con i presidenti e primi ministri di tutto il mondo al posto del padre.

Un portavoce di Ivanka Trump aveva specificato a Bloomberg che la figlia del presidente era seduta nella parte posteriore della stanza, e si è poi unita brevemente al tavolo principale nel momento in cui il padre è uscito dalla stanza.

LEGGI ANCHE: Le critiche a Ivanka Trump per aver preso il posto del padre durante alcune riunioni del G20

Ivanka Trump farà parte dello staff della Casa Bianca

La figlia di Trump svolge il ruolo di consulente non retribuita per suo padre nella Casa Bianca, affrontando questioni come il congedo familiare retribuito e l’empowerment economico delle donne.

Angela Merkel, leader ospitante del G20 aveva cercato di placare la controversia. “Le delegazioni stesse decidono, quando il presidente non è presente per una riunione, chi prenderà il suo posto e siederà al tavolo della presidenza. Ivanka Trump era parte integrante della delegazione americana, è qualcosa che anche altre delegazioni fanno. È noto che lavori alla Casa Bianca”, ha detto la cancelliera tedesca.

Ora Donald Trump è intervenuto nel dibattito twittando: “Quando sono uscito dalla Sala Conferenze per brevi incontri con il Giappone e con altri paesi, ho chiesto a Ivanka di prendere il mio posto. Tutto molto standard. Angela M è d’accordo!”.

In un tweet successivo ha poi tirato in ballo Chelsea Clinton, figlia dell’ex presidente Bill e della candidata per i Democratici Hillary: “Se a Chelsea Clinton fosse stato chiesto di prendere il posto di Hillary, mentre sua madre svendeva il nostro paese, le Fake News avrebbero detto CHELSEA FOR PRESIDENT!”.

La risposta di Chelsea Clinton non si è fatta attendere, ed è arrivata sempre su Twitter, con un messaggio che recita: “Buongiorno signor Presidente. A mia madre o mio padre non sarebbe mai venuto in mente di chiedermelo. Lei invece stava svendendo il nostro paese? Spero di no”.

Campagna regione lazio