Me
Un’europarlamentare italiana è stata fermata ad Amburgo
Condividi su:
eleonora forenza

Un’europarlamentare italiana è stata fermata ad Amburgo

Eleonora Forenza del gruppo della Sinistra unitaria e della sinistra verde nordica aveva annunciato che avrebbe partecipato alle manifestazioni di protesta nella città tedesca

08 Lug. 2017
eleonora forenza

Nell’ambito delle manifestazioni per le proteste del G20 che si è svolto ad Amburgo, sabato 8 luglio è stata fermata anche un’esponente politica italiana Eleonora Forenza, eletta al parlamento europeo nel 2014, ottenendo quasi 23 mila preferenze.

Su Facebook, l’europarlamentare italiana dichiara di essere stata perquisita e che le sono stati sequestrati i documenti e il tesserino parlamentare. Insieme alla Forenza, sempre secondo l’esponente politica barese, sono stati fermati altri 15 manifestanti italiani.

“Siamo ancora in stato di fermo. Motivazione: siamo italiani. Ormai vestirsi di scuro rappresenta una sorta di reato”, ha commentato la parlamentare europea.

La Forenza aveva annunciato che avrebbe partecipato alle manifestazioni di protesta contro le politiche dei leader del G20 con un video pubblicato sul social network. Obiettivo della presenza della parlamentare era vigilare da parlamentare europea contro il dispositivo globale di repressione del dissenso.

Il Partito della rifondazione comunista – Sinistra europea, cui appartiene l’onorevole Eleonora Forenza, per bocca del suo segretario nazionale, Maurizio Acerbo si è appellato al governo italiano per una rapida soluzione della vicenda. “Invitiamo il governo italiano a intervenire per l’immediato rilascio dei fermati e per la tutela del diritto di manifestare”, ha dichiarato Acerbo.

forenza fermata

L’europarlamentare Forenza al momento del fermo. Credit: Eleonora Forenza/Facebook

– LEGGI ANCHELe foto degli scontri notturni al G20 di Amburgo

Le foto dei violenti scontri al G20 di Amburgo

Gli Stati Uniti sono stati isolati al G20 sui temi climatici

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus