Me
La pubblicità che invita le donne a truccarsi piuttosto che a studiare
Condividi su:
la pubblicità di benefit

La pubblicità che invita le donne a truccarsi piuttosto che a studiare

Nel Regno Unito i cartelloni pubblicitari di un noto marchio di make up sono stati criticati perché promuovono l'idea che l'aspetto estetico conti più dell'istruzione

05 Lug. 2017
la pubblicità di benefit

“Skip class, not concealer!”. Letteramente: “Salta la lezione, non il correttore!”. È quanto si legge su alcuni cartelloni pubblicitari della marca di cosmesi Benefit apparsi nel Regno Unito.

Nella foto promossa dall’azienda, si vede una giovane ragazza svegliarsi struccata al mattino, con una sveglia in mano. Da qui il suggerimento di preferire il trucco, all’andare a lezione in orario.

Quando alcune ragazze hanno notato la pubblicità, sono rimaste scontente del messaggio nello spot. Il messaggio sembra promuovere l’idea che la cosa più importante per le donne resti il fattore estetico.

Per questo motivo l’immagine è apparsa sui social accompagnata da diversi commenti. “Quindi fino a quando sarò carina non avrò bisogno di un’istruzione?”, scrive Kate su Twitter. “Così dobbiamo insegnare alle ragazze che l’apparenza conta più dell’istruzione”, commenta un’altra donna.

La campagna pubblicitaria è stata definita dannosa e irresponsabile, soprattutto quando si pensa che questo tipo di stereotipi sulle donne siano ormai superati.

Secondo l’ Huffington Post britannico, i grandi magazzini che espongono questi cartelloni hanno promesso di rimuoverli quanto prima.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus