Me

Sempre più donne denunciano molestie sessuali nella Silicon Valley

Il fondatore di “500 Startups”, con sede nella Silicon Valley, Dave McClur, si è dimesso in seguito alle accuse di molestie di diverse donne

Dave McClure, il fondatore dell’impresa di startup della Silicon Valley  “500 Startups”, ha annunciato le sue dimissioni con un post sul suo blog dal titolo: “I’m a creep. I’m sorry.” (Sono viscido. Mi dispiace), dopo essere stato accusato di molestie da parte di diverse donne.

Lo scandalo sulle molestie sessuali sta facendo discutere la Silicon Valley, dopo la denuncia dell’imprenditrice Sarah Kunst, la quale ha dichiarato al New York Times, che McClure le avrebbe mandato messaggi inappropriati.

McClure si è scusato direttamente con l’imprenditrice per il suo comportamento tramite un post sul blog “500 Hats”, ammettendo di essersi comportato in maniera inopportuna nei confronti di altre donne.

“Ho fatto delle avance nei confronti di più donne in situazioni di lavoro, laddove era chiaramente inappropriato”, scrive McClure. “Ho messo le persone in situazioni compromettenti e  ho egoisticamente sfruttato queste situazioni anche se avrei dovuto sapere che il mio comportamento era imperdonabile e sbagliato”, aggiunge.

“Per questo e per altre occasioni in cui ho sbagliato, vorrei chiedere scusa per essere stato un idiota inconsapevole, egoista e per nulla dispiaciuto. Per tutti quelli che ho deluso, e specialmente per coloro i quali ho direttamente offeso e ferito: mi dispiace tanto”.

In seguito all’articolo, anche l’imprenditrice Cheryl Yeoh ha raccontato delle molestie subite, affermando che ci sono state decine di donne che sono state molestate sessualmente da McClure.

TechCrunch ha raccontato che una delle partner femminili della compagnia si è dimessa, criticando la leadership di “500 Startups” per la mancanza di trasparenza riguardo McClure.

 

Questa catena di eventi ha incoraggiato sempre di più le donne che lavorano nel settore delle startup nella Silicon Valley, a parlare pubblicamente riguardo al trattamento che esse affermano di aver subito da molti uomini, tra cui gli investitori del settore.

L’esperienza di queste donne aiuta a spiegare perché l’ecosistema dell’investimento nelle nuove imprese e startups è stato così asimmetrico in termini di genere. La maggior parte degli imprenditori sono uomini.

Secondo un analisi di PitchBook le imprenditrici donne nel corso del 2016 hanno ricevuto 1,5 miliardi di dollari, contro i 58,2 miliardi agli uomini. Molti degli investitori detengono un forte potere esterno, dato che gli imprenditori hanno bisogno di denaro per tramutare le loro idee in business. E capita spesso che venga mantenuto il silenzio riguardo agli investitori che oltrepassano la linea nei confronti degli imprenditori.

Per questo molte donne hanno affermato di credere di avere una capacità limitata di risposta contro comportamenti inopportuni, dal momento che necessitano dei fondi o del lavoro degli investitori.