Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La bufala degli oggetti ritrovati dopo il concerto di Vasco a Modena

Ecco come si è diffusa sui social network e su alcuni quotidiani la notizia falsa della lista di oggetti trovati al Modena Park dopo l'1 luglio

Immagine di copertina

In un articolo pubblicato su alcuni quotidiani italiani è stata elencata la lista di oggetti ritrovata al Modena Park, dove l’1 luglio si è tenuto il concerto di Vasco Rossi.

“111 smartphone; 3 Tablet, 1.200 mazzi di chiavi; 670 paia di occhiali; 120 confezioni di preservativi; 1 Rolex Submariner (in acciaio); 51 carte di credito; 170 scarpe (ben strano dimenticarsi le scarpe); 1 pigiama da uomo (?); 2 stampelle (un miracolo?); 29 felpe; 60 reggiseni; 2 materassini gonfiabili; oltre 2 mila euro contanti, divisi in diversi portafogli; 1 confezione di 12 assorbenti per adulti incontinenti; 33 sacchi a pelo; 1 statuetta in legno di Padre Pio; 28 sex toys. Un numero incalcolabile di cappellini, bandane e polsiere”, si legge nell’elenco.

Questo elenco ha avuto moltissime condivisioni su Facebook e sui social network. Ma la notizia è vera?

I numeri sono presi dalla pagina Facebook Molinella notizie, dalla dubbia affidabilità:

Il quotidiano La Stampa ha verificato come la notizia sia falsa. Hera è l’unica azienda impegnata nelle pulizie a Modena, smentendo così il post che parla di tre aziende chiamate a pulire l’area.

Hera ha detto di aver raccolto 100 tonnellate di rifiuti e il Comune di Modena ha specificato che nessuno degli oggetti della lista è stato rinvenuto sul luogo del concerto.