Me

Un canale tv russo offre biglietti aerei agli omosessuali perché lascino il paese

Il video dell'iniziativa è stato pubblicato sui canali social dell'emittente Tsargrad Tv, che ha attirato numerose critiche – e sostegno – per l'iniziativa omofoba

Immagine di copertina

Tsargrad TV, un’emittente televisiva russa, si è offerta di pagare un biglietto di sola andata per la California a tutti gli omosessuali che abbiano intenzione di lasciare il paese.

Lo Stato del Sole è tra i più tolleranti nei confronti delle persone gay, in quanto “garantisce facilitazioni per l’acquisizione della green card da parte dei pervertiti russi”. Queste le parole del presentatore televisivo, Andrei Afanasyev, nel video pubblicato dall’emittente sui canali social.

La trasmissione, che solitamente si esprime con linguaggi offensivi riferendosi alla popolazione LGBT, sottolinea che non si tratta di una bufala. L’intenzione è quella di far funzionare l’iniziativa, con il supporto di tutto lo staff televisivo. “Vogliamo davvero farvi trasferire, qualora siate in grado di dimostrare i vostri peccati”, si vede nel video.

Il requisito necessario per poter vincere il biglietto aereo è la presentazione di una certificazione medica che attesti come la persona sia sodomita, o che abbia altre forme di perversione.

Un ristretto numero di persone ha manifestato interesse nel progetto. Ma la maggior parte delle persone sono rimaste indignate, commentando e utilizzando termini quali “barbaro” e giurando di bloccare i feed della pagina.

Nonostante le diverse critiche, la maggioranza dei cittadini russi abbraccia questi valori, che promuovono un’elevata diffusione dell’omofobia, con leader politici che identificano i gay come degenerazioni della moralità e criticano tutti i paesi che promuovono l’equità dei diritti per i LGBT.

La Tsargrad è una televisione satellitare di nicchia, il cui nome significa “Costantinopoli”. È intuibile quali siano le inclinazioni religiose e politiche del canale, il cui fondatore, Kostantin Malofeev, sostiene apertamente la linea politica di Vladimir Putin.