Me
La falsa notizia sulla cura ormonale della figlia undicenne di Angelina Jolie e Brad Pitt per cambiare sesso
Condividi su:

La falsa notizia sulla cura ormonale della figlia undicenne di Angelina Jolie e Brad Pitt per cambiare sesso

Alcuni giornali italiani e spagnoli hanno diffuso la notizia, citando come fonte Afp, che però ha smentito categoricamente

29 Giu. 2017

Shiloh è la prima dei sei figli di Angelina Jolie e Brad Pitt. Recentemente si è diffusa la notizia secondo cui la bambina, che oggi ha 11 anni, intraprenderà un trattamento ormonale per rallentare il processo biologico “attraverso il quale il suo corpo da bambina possa arrivare allo stadio di una donna adulta”.

I media che hanno riportato questa notizia affermano che la fonte sarebbe l’Agence France Presse. Ma l’agenzia di stampa francese ha smentito categoricamente.

“AFP nega categoricamente di essere la fonte di queste informazioni. Chiediamo ai media che l’hanno diffusa. di ritirare il nostro nome”, scrive l’agenzia, come si legge in un articolo del quotidiano spagnolo El Pais. 

Shiloh ha sempre amato vestirsi da ragazzino, portare i capelli corti come i suoi fratelli e farsi chiamare John. Nulla più.

💖

Un post condiviso da Angelina Jolie (@angelinajolieofficial) in data:

Angelina Jolie, attrice e regista americana, è ambasciatrice dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). Nel 2014 si è sposata con Brad Pitt, attore e produttore cinematografico.

– LEGGI ANCHE: Il discorso di Angelina Jolie sui diritti delle donne

La notizia si è diffusa anche in Italia, ripresa da alcuni siti, ma anche in Spagna e in Sudamerica; non negli Stati Uniti.

Sulla stampa anglosassone non vi è traccia della notizia. Qui sotto il tweet dell’Afp Spagna, che smentisce di essere la fonte di tali informazioni:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus