Me

Caro governatore, se si oppone all’obbligo vaccinale, sarà responsabile della morte di mia figlia

Nicola Pomaro, padre di una bambina immunodepressa, ha scritto una lettera al governatore del Veneto Luca Zaia per chiedergli di non opporsi al decreto sull’obbligatorietà vaccinale

Immagine di copertina

Nicola Pomaro è il padre di una bambina di 5 anni, malata di anemia aplastica severa, che a causa dell’immunodepressione non può essere vaccinata. Per questo ha scritto una lettera a Luca Zaia, il governatore del Veneto che aveva detto di voler impugnare il decreto Lorenzin sull’obbligo vaccinale davanti alla Consulta.

Pomaro spiega che l’unico modo per proteggere sua figlia è quello di aumentare il più possibile il numero di vaccinati, anche attraverso l’introduzione dell’obbligo per l’iscrizione a scuola.

Solo così è possibile raggiungere l’immunità di gregge, il fenomeno che permette di proteggere gli individui che non possono essere vaccinati – perché troppo piccoli o malati. Solo all’interno di una popolazione con almeno il 95 per cento di individui vaccinati, le malattie non hanno la possibilità di propagarsi.

– LEGGI ANCHE: Le dieci bufale più diffuse sui vaccini

Ecco il testo integrale della lettera:

“Egregio Governatore Zaia,

ho appreso dagli organi di stampa che si accinge a fare ricorso presso la Corte Costituzionale contro il decreto Lorenzin sull’obbligo vaccinale. Non lo faccia, è un errore gravissimo. Finché l’obbligo vaccinale non verrà ripristinato, la mia bambina immunodepressa continuerà a rischiare la vita ogni giorno. Come lei, molti altri bambini.

Nel Luglio 2015, mia figlia, che aveva tre anni ed era stata perfettamente sana fino ad allora, si ammalò improvvisamente di una gravissima e mortale malattia del midollo osseo. Nel giro di pochi giorni, il suo sangue si svuotò completamente da globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Poteva sopravvivere solo grazie a continue trasfusioni.

Dopo vani tentativi di cura, fu messa in lista per un trapianto di midollo. Dopo alcuni mesi, passati per lo più in ospedale per le continue infezioni, fu possibile reperire negli USA un donatore compatibile. Mia figlia, e noi con lei, passò tre mesi chiusa in camera sterile.

– LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sui vaccini

Fu sottoposta a chemioterapia massiccia, perse tutti i capelli e molti chili di peso, più volte fu a rischio di vita a causa di infezioni opportunistiche. Alla fine uscì, ma per molti mesi ancora poté essere avvicinata solo indossando mascherine, lei stessa poteva uscire di casa, con mille precauzioni, solo indossando una mascherina.

Decine e decine di bambini vivono lo stesso calvario ogni anno al Centro Trapianti del Reparto di Oncoematologia di Padova, che ormai conosciamo molto bene. Tante malattie diverse, una cosa in comune: l’immunodeficienza.

A causa della malattia e delle cure, questi bambini per diversi anni hanno un sistema immunitario debole e non possono essere vaccinati. Infezioni per nulla gravi per i bambini sani per loro viceversa sono mortali. La loro vita dipende dal fatto che gli altri bambini attorno a loro siano vaccinati impedendo ai germi pericolosi di circolare.

La copertura vaccinale in Veneto è scesa pericolosamente da quando è stato tolto l’obbligo vaccinale. Questo è un fatto, chi lo nega è in malafede. Questo fatto rappresenta un pericolo mortale per mia figlia e le migliaia di bambini nella sua condizione. Bambini che hanno già sofferto abbastanza. Se si oppone all’obbligo vaccinale, lei è e sarà responsabile delle conseguenze.

– LEGGI ANCHE: Perché i genitori hanno paura di vaccinare i propri figli?

Io frequento gli ospedali, parlo con decine di medici (quelli veri, che salvano la vita), la propaganda e la disinformazione da lei diffuse in questi giorni non ingannano me nè le migliaia di genitori di bambini malati di linfoma, leucemia ecc, che vivono in Veneto e sanno bene l’importanza delle vaccinazioni obbligatorie.

Vede, governatore, non vi è nulla di più imparziale della malattia: colpisce tutti, indistintamente, senza riguardo a stato sociale, conto in banca, credo politico o religioso. Oggi è toccato a mia figlia, domani può toccare a lei o qualcuno a lei vicino.

Non glielo auguro, naturalmente, ma in quel caso capirebbe molte cose. Venga, la prego, a parlare con i medici che hanno curato mia figlia, che curano ogni giorno bambini con malattie terribili. Chieda a loro se è necessario l’obbligo vaccinale.”

Nicola Pomaro, padre di una bambina di 5 anni. 

– LEGGI ANCHE: “Non vaccinare i figli è come smettere di costruire scuole antisismiche”