Me

Perché difendo il mio diritto di andare al mare a seno nudo

Chelsea Covington ha 29 anni. Da diverso tempo porta avanti una battaglia per il diritto delle donne a mostrare il seno in spiaggia, proprio come gli uomini

Immagine di copertina

Una ragazza statunitense ha deciso di portare avanti una battaglia per il suo diritto ad andare al mare e in spiaggia senza maglietta, a seno nudo. Chelsea Covington – lo pseudonimo di una blogger 29 enne – viene da Ocean Beach, nel Maryland.

La sua protesta simbolica è finalizzata al rispetto dei diritti di tutte le donne, che dovrebbero venire rispettati e tutelati sempre, così come sono garantiti dalla costituzione anche quelli degli uomini.

Pertanto, così come ogni uomo, Chelsea da diverso tempo – lo ha già fatto circa 30 volte – si è sempre rietenuta libera di girare senza maglietta al mare.

Lo scorso 10 giugno il consiglio cittadino di Ocean Beach ha emanato un’ordinanza che proibisce alle donne di girare in topless nella spiaggia frequentata da Chelsea. Ordinanza però che la ragazza 29enne ritiene incostituzionale.

Oggi, grazie al contributo dell’avvocato per i diritti civili Devon Jacob, la giovane potrebbe decidere di muovere un’azione legale contro l’amministrazione locale di Ocean Beach, dal momento che questo provvedimento violerebbe il 14esimo emendamento della costituzione americana.

LEGGI ANCHE: La libertà di mostrare il seno

Chelsea non è solo fermamente convinta del suo diritto, ma ritiene anche che girando in topless non ha mai creato alcun problema a nessuno né altri lo hanno creato a lei.

Il sindaco di Ocean Beach ha dichiarato di aver ricevuto numerose mail contro la possibilità di girare in topless, ma ha poi aggiunto di averne ricevuto altrettante lettere in supporto di tale pratica.

Covington ha voluto chiarire che è, sì, un attivista per il diritto al topless ma non un’esibizionista che vive costantemente a seno nudo. Va in spiaggia senza la maglietta così come molti uomini fanno lo stesso.

Dal 2015 Chelsea ha un suo blog e le sue campagne hanno contribuito a portare il dibattito sul diritto delle donne a mostrare il seno anche sulla scena nazionale.